rossaurashani

Posts Tagged ‘vecchi’

Dentro alle antiche mura (di Franca Bastianello)

In amore, Viaggi on 26 gennaio 2015 at 17:25

rapper

Un viaggio in Palestina ti fa capire la differenza tra muri e mura. Una differenza abissale che contrappone il cemento armato alle calcinate antiche mura delle città.
La città antica di Gerusalemme, dove le mura, ti raccontano una storia radicata profondamente e il Muro della vergogna che percorre e divide questa terra martoriata, ci conferma che la voglia di possesso uccide l’umanità.
E’ di Nablus che comincio a capire, dopo tre viaggi e tre visite al suo interno, solo ora comincio a sentire il suo “dentro le mura”.
Questa volta ci arrivo, ma è festa e il mercato è chiuso. Le strade sono vuote di rumori, odori e colori. Ma proprio in questo silenzio che i muri ti sanno parlare di più, le parole sussurrate sono più intime, o forse solo io adesso riesco a capire la loro cantilena antica.
Come molte città palestinesi, fu centro di battaglie e intifade, di rivolte e distruzione, continuano sui muri i ricordi dei martiri di ieri e di oggi. Mi guardano i vecchi archi, come occhi svuotati, delle vecchie case e delle fabbriche di sapone. I negozietti sempre così vivaci, le vetrine che ospitavano tutti quei dolcetti così tentatori. Oggi mi raccontano un’altra storia. E quel dolce particolare dal colore ambrato che ti chiama dalla strada a cui io non ho mai ceduto. Oggi non inventa nuove parole per me. Oggi sulla strada è quasi buio, nessun dolce a farci l’occhiolino, solo un palestinese dal nome Giuseppe, sposato con un’italiana, che ci accoglie con il suo italiano un po’ stentato, ma davvero ammirevole. E’ seduto su una sedia a rotelle e ci sorride mettendo in mostra molti buchi e qualche dente resistente.
Mi ricordo che le altre due volte avevo incontrato, proprio su quella piazza, il vecchietto col motorino. Non proprio un motorino classico, ma una sedia da invalido, montata su un motorino. Ricordo quanto ne andasse fiero, e quanto fosse orgoglioso di farsi fotografare. Neanche a dirlo, lo ritrovo duecento metri più avanti, sempre con lo stesso nipotino, ormai cresciuto, stavolta cammina con le sue gambe e un bastone. Si sarà rotto il motorino? Difficile chiedere, difficile farsi capire, ma anche lui sorride con i suoi spazi mancanti tra i denti.
Ma l’immagine si amplia in questa nuova relazione con la città di Nablus: in piazza due vecchietti, oltre i vetri della loro casa, stanno fumando il narghilè in silenzio, intenti a guardare il vuoto della piazza.
Che strano momento per entrare nelle mura di questa città e negli spazi di questi vecchi palestinesi in attesa… ma in attesa di cosa?
Forse il maggior effetto di questo momento di simbiosi con queste vecchie mura è che fino ad un’ora prima stavo al Centro Human Supporters, pieno di giovani attivi e simpatici, con un sacco di voglia di fare. Ragazzi che danno una mano ad altri ragazzi e bambini, per rendere più accettabile la loro vita difficile. Giovani che non avevano esitato a mettere in pericolo la loro vita, per portare cibo e cure alle persone che non potevano uscire durante i coprifuoco. Ragazzi che sognano un’altra vita, in un paese loro, libero da ogni oppressione. Pronti a ridere e scherzare e a fare musica, come i loro amici rapper, giovanissimi, che ci hanno accolto con uno spettacolo estremamente incongruo in quel cortile interno del Centro, sotto un telone distrutto dalla neve dell’anno scorso, e gli allegri passi di danza dei ballerini di dabka palestinese. Con nelle orecchie quella musica e negli occhi quei sorrisi percorrevo ora quel souk spopolato e triste.
Ma è solo una mia percezione. Nablus è una città grande e viva di 135.000 abitanti, ha solo un piccolo centro antico che è stato sventrato non molti anni fa, dall’esercito israeliano, dove i martiri si contano e si leggono ad ogni angolo di strada, dove la vita fa fatica ad emergere dalla morte, dove la vecchiaia sembra sovrastare la gioventù.
Tranne al Centro Human Supporters, lì era scoccata una scintilla che non si è mai sopita nel cuore palestinese, la forza e il coraggio di resistere con la ragione dalla loro parte. Sarà poco, sarà tanto, non so, ma questo basta e non retrocedere mai. A camminare mano nella mano in una staffetta solidale per la libertà.

Chi non si accontenta… gode

In Amici, amore, Anomalie, personale on 17 maggio 2014 at 17:47

amiche-vecchiette-300x216

“Tu sei sempre stata diversa da noi. Tu non ti sei mai accontentata… hai sempre voluto di più.”

Sembrava una sentenza di morte. Non era un complimento, pareva più un’accusa di tradimento, e al tradimento si risponde sempre con un misto di invidia e rifiuto che lei aveva colto dalla voce dell’amica.
Erano amiche da sempre lei, Diana e Marinella. Magari non si vedevano per lunghissimi anni, ma poi si ritrovavano ed era sempre la stessa cosa, la stessa voglia di raccontarsi, la stessa capacità di ascoltare.
Che lei fosse stata diversa, non le pareva proprio tanto. Aveva fatto solo delle scelte diverse e non era certa che fosse state le migliori. Come si fa a dirlo? A priori? A posteriori? Certamente, dopo tutti gli anni passati, si poteva dire che, a ben guardare, lei aveva avuto una vita particolarmente intensa… ma migliore, forse no.
Diana, era una che pensava che quello che aveva fatto e deciso nella sua vita poteva andare bene per tutti, salvo poi capire che forse in qualche cosa aveva fallito.
Marinella invece pensava che quello che aveva fatto, forse forse avrebbe potuto essere diverso se il destino l’avesse aiutata un po’. Però insomma quello che aveva scelto, sarà stato anche condizionato, ma era il meno peggio.
E lei che pensava? A pensare le cose diventavano complicate. Non si era fatta condizionare nè dalla sua famiglia, nè dall’ambiente che la circondava, o almeno non significativamente. Si era un po’ adattata, ma non troppo. Era uscita da una famiglia asfissiante, aveva avuto amori e tanti, tendenti a imprigionarla, non si era fermata al primo amore il più incredibile e il più improbabile, salvo poi averlo ritrovato (ma questo non c’entrava affatto) insomma non era scesa alla prima fermata dell’autobus. Era una colpa? Era stata la sua fortuna?
Certo non avrebbe cambiato la vita con quella di nessun’altra. Troppa adrenalina, troppi colpi di coda del destino, troppi sentimenti e passioni per dire: “Avrei voluto una vita tranquilla! Avrei voluto una vita come le altre.”
Lei non si era mai annoiata, non aveva avuto tempo per fare le cose di tutti i giorni, aveva lavorato, aveva rischiato e rischiato molto, era stata disponibile a pagare tutti i prezzi dei suoi errori e anche, a volte, quelli degli altri se era necessario. Avera ricominciato un sacco di volte, aveva sofferto, pianto e sorriso, senza chiedersi se ne valesse la pena.
Ora era diventata di scorza dura, ma stranamente era permeabile alle cose, tutte l’attraversavano lasciandogli dentro qualche cosa, facendola sentire viva e umana, malgrado tutto.
Tutto sommato, pensava, non valesse la pena di fare un bilancio, quella era stata la sua vita, e non era ancora finita. C’erano molte cose ancora da fare e tutte che esulavano dall’accudire i nipotini oppure un marito un po’ troppo intransigente, anzi a pensarci bene si chiedeva che gusto c’era scandire la propria giornata sui bisogni degli altri, sulle abitudini e sugli egoismi della vecchiaia.
Le veniva da dire che vecchi si nasce e non si diventa, però sapeva che non era così, era comunque sicura che ogni epoca ha un suo preciso modo di essere giovani, ma anche di contrappunto uno per essere vecchi. E guardando bene lei non era stata giovane nel modo che lo erano i giovani del suo tempo, ma non era vecchia allo stesso modo delle sue amiche.
Incapace di adattarsi alle regole del gioco? Veramente a lei sembrava di aver dettato, nel limite del possibile, le regole della propria vita senza pretendere che fossero le regole di tutti. Aveva cercato di cambiare la propria vita senza aspettare che fosse la vita a cambiare lei. Era questo il non accontentarsi mai di quello che si ha? Forse…Certo che si stupiva ancora del tono di rimprovero e vagamente invidioso di chi le faceva questo appunto, non credeva di meritare nè una cosa nè l’altra, ma poi soprattutto era lei a guardare la vita delle sue amiche e finire con il pensare che avrebbero sicuramente meritato di più: un uomo diverso, un destino più promettente, un carattere più coraggioso, degli stimoli maggiori… beh ecco sì, su questo lei aveva cercato di non adattarsi e di guardare oltre. Aveva fatto danni attorno a sé, sicuramente, ne aveva ricevuti molti, aveva subìto dolori e abbandoni, ma era stata oggetto di tanto interesse e qualche volta tanto amore e anche rifiuto perchè no, non si passa indenni attraverso la vita, se si vive davvero.
Nel contempo a guardar bene chi di loro oggi era più felice? Domanda retorica perchè se è vero che chi si accontenta gode, è anche vero che se lei si fosse accontentata e adattata, sarebbe stata una persona estremamente infelice, forse senza accorgersene, questo è vero, ma se se ne fossi accorta? se in un momento di lucidità avesse compreso di aver gettato via i suoi anni senza sogni e senza piccoli traguardi, senza cambiamenti importanti senza ancora la voglia di investire? Beh, no, non poteva accettarlo, si serebbe sentita fallita, non sarebbe stata come era, sia nel bene che nel male. E allora, era il caso di dirlo: chi non si accontenta… gode! e i “cocci” sono suoi (perché i “cocci” ci sono sempre quando si rischia la vita e bisogna raccoglierseli sempre con un sorriso sulle labbra).

Tempo senza pietà

In Amici, Anomalie, personale on 9 luglio 2013 at 8:43

Marylebone Cricket Club members wait in a queue outside the ground before the second Ashes test cricket match between England and Australia at Lord's Cricket Ground
La percezione del valore del tempo credo sia soggettiva. Io col tempo ho avuto sempre un discreto rapporto, direi quasi buono. Ho accettato i cambiamenti che ha portato sul mio corpo, un po’ meno su quelli che cercava di portare nel mio modo di pensare e di agire. Involontariamente, però, il tempo agisce sul corpo delle persone in modo tale che non si riesce più a farcela a sostenere i “principi fondanti” del proprio essere.
Esempio è che per carattere vorrei dopo una stressante giornata di lavoro, farmi una doccia veloce e andare a quel benedetto cineforum culturale che tanto aspettavo, anche se contemporaneamente potrei passare a quell’incontro irrinunciabile sulla “green-economy”, senza contare che alla fine, prima di tornare a casa potrei, trovarmi con qualche amico al pub per parlare un po’ di politica o degli ultimi eventi in Egitto o Turchia.
Ovviamente ho la testa che è pronta a tutto, anzi ancor prima di pensare ho già fatto, ma non così il mio corpo che batte in ritirata e che mi ricorda che sono troppo vecchia per tutte queste attività.
Certo è che ho l’età per essere in pensione, per strafottermi una quantità di televisione per una buona parte della mia giornata, per non occuparmi dei mali del mondo: in fin dei conti io, personalmente, per età e condizione non posso farci veramente niente e poi di mali ne ho pure io in quantità industriale.
Ma allora perché non mollo l’osso e schiatto dietro a tutto o almeno a una buona parte di quel tutto, senza ammettere che a volte proprio non ce la faccio più?
Presenzialismo? No, non direi, non mi importa di quello che dicono gli altri, mi importa solo che vorrei sapere e conoscere di più, vivere di più. E se questa è una malattia, allora sono certa, io sono molto malata.
Il problema comunque non è quanto io riesca a voler fare e quanto poi nella realtà io faccio, ma il corollario di amici e conoscenti che non riescono a uscire dalle maglie di una vita di persone di mezza età e in pensione.
Incontro un gruppo di amici seduti al bar davanti al loro caffè decaffeinato (almeno questi non giocano a carte, come quelli del Bar Sport) che mi guardano passare con un po’ di commiserazione negli occhi. Ma dove va quella? Cosa corre a fare? Ma non ha proprio niente di meglio che correre qua e là piena di impegni, perchè non si gode la vita come facciamo noi?
Che poi a me della loro vita non invidio niente. Poche cose da dirsi, niente di nuovo su nessun fronte…
Una coppia di amici: il tempo scandito in risveglio, colazione al bar, lettura di quotidiani, pranzo, pennichella, televisione e cena. Lei che spera che lui vada a letto per riprendersi il telecomando.
Altri due: loro sono sportivi, vanno in barca, e questo è bello almeno per la parte dell’anno che si può fare, ma non si parli delle cose del mondo perchè sono cinici e prevenuti, hanno già visto tutto e non credono più a niente.
Poi c’è l’amica vedova che non sa dove andare e cosa fare da sola, e per fortuna che ha i nipoti di cui occuparsi quando la figlia esce con le amiche o con il marito. Per fortuna i nipoti sono la sua vita.
E via di questo passo, tanta gente stanca, disinteressata, che per veder gente va al bar e per sapere del mondo legge il quotidiano e che già va bene così, visto che c’è anche chi si rintana in casa a guardare la televisione e che televisione.
Il tempo davvero è senza pietà se trasforma la gente, sia i volenti che i nolenti, riducendogli sia i pensieri che i movimenti. Non ha pietà perchè oltre al peso degli anni, dei ricordi e del proprio vissuto, un essere umano deve portarsi addosso anche il peso della sconfitta di non poter più essere un vero attore nel mondo e solo una semplice comparsa. Certo ti consente di esserci, malgrado tutto e comunque, ma perchè non poter essere ancora padroni della propria vita? Oppure perchè pensare che essere vecchi pretenda il prezzo di volare basso, anzi di poter tentare solo dei saltelli che al volo non anelano più.
E non datemi quelli che se li incontrate vi raccontano tutti i loro malanni, come se a saperli tutti, per te, possa essere il viatico che ti accompagna nella vita. Che noia pazzesca.
Sarà per quello che ho trovato un compagno che mi somiglia un po’ e che malgrado una pigrizia atavica, alla fine mi segue o mi anticipa in una corsa divertente che non ha vincitori.
Sarà per questo che da qualche anno mi rifiuto di sedermi in un bar e di portare l’orologio al polso. Un vezzo per sdrammatizzare il passare del tempo e per non perdermi in chiacchere inconcludenti. Un ritorno al vecchio sistema di controllare la posizione del sole o il colore della luce. Chiedetemi che ore sono e vedrete che sbaglio solo di pochi minuti. Chiedetemi la direzione e vedrete che i miei occhi indicheranno sempre: adelante, avanti chiaramente con nessuna voglia di restare indietro. Incapacità di accettare che tutto ha un termine, una scadenza, anzi forse proprio perché la scadenza si fa sempre più vicina, non penso di doverla assecondare mai.
Insomma, non accontentarti mai finché avrai tempo di sognare.

Amicizia: questa frequentazione sconosciuta!

In Amici, amore, Anomalie, Giovani, Mala tempora currunt, personale on 3 ottobre 2012 at 9:51

Parlare di amicizia in questi anni, a me sembra un esercizio abbastanza al di fuori della realtà. Non che non esista l’amicizia anche oggi, è che di amicizia non si parla più, proprio come se questo sentimento non fosse più di moda e/o un punto centrale della nostra vita.
Nel 1968, si potrebbe dire quasi un secolo fa, passavamo le nostre serate a parlare di amicizia ed amore non facendo poi, a tutti gli effetti, una gran distinzione. Ricordo che per gli amici io sarei stata disposta a fare un po’ di tutto, se non proprio tutto tutto, almeno una gran parte del tutto. Cosa che forse per un amore, a quel tempo, non sarei stata disposta a fare.
Perché fosse così importante l’amicizia allora e non lo sia più oggi non lo so, o forse a pensarci bene lo so, ma non capisco se davvero, quella che penso io, sia la ragione più importante. Sentirsi allora, parte di un unico che ci “comprendeva” e ci rendeva più forti, era determinante. Avere amici era allora la dimostrazione del nostro successo sociale, era il modo per muoversi in sintonia con il mondo, era la nostra forza. Fatto sta che in piazza, allora, c’eravamo, ed eravamo in tanti, partecipavamo tutti agli stessi riti (fossero anche solo quelli di passaggio) dai concerti, alle manifestazioni oceaniche per la pace e alle contestazioni politiche degli anni successivi ed eravamo tutti amici, tutti come un unico individuo.
L'”Io” non esisteva proprio, c’era la predominanza di un “Noi”, un gruppo minore che apparteneva ad un gruppo maggiore e che finiva con essere inserito in una classe sociale che coinvolgeva altri gruppi più piccoli inseriti in gruppi più grandi… insomma c’erano gli studenti, gli operai, le femministe, gli intellettuali, i pacifisti, i rivoluzionari, i maoisti e i marxisti ma anche i marxisti-leninisti, gli stalinisti e genericamente tutti i gruppi extraparlamentari (ne ricordo moltissimi, ma sicuramente ne dimentico qualcuno), i freudiani e i seguaci di Jung, i fans dei Beatles e quelli dei Rolling Stones, i Rockers e i Moods, i cattolici e i laici, i credenti e gli atei (solo dopo decenni arrivarono i più miti agnostici).
Ovviamente c’erano anche gli estremi opposti, tipo i filoamericani, i guerrafondai, le forze dell’ordine, i fascisti (ai quali era sempre aggiunto un aggettivo piuttosto colorito, come continuo a pensare si meritino), i qualunquisti, gli invidiosi, i benpensanti, gli ipocriti e i “vecchi” o matusalemme (intendendo con questo termine gente che pensava all’antica e non sopportava i giovani).
Sì è vero, ho tagliato il mondo con l’accetta, ma non voletemene chi ha vissuto questa esperienza sa che tutto era bianco o nero e non si conoscevano le sfumature del grigio.
Gli amici erano tutti quelli che la pensavano alla stessa maniera, sia da una parte che dall’altra; essere dentro allo stesso gruppo, voleva dire essere amico, mentre l’altro era il nemico acerrimo.
Ecco perchè oggi mi trovo un pochino spaesata se considerandomi all’interno dello stesso gruppo non riesco più a distinguere gli amici.: troppe divisioni, troppi personalismi, un uso esagerato dei distinguo, mette tutto in discussione, ma anche in croce. Tutto sommato cosa ho io in comune con la persona che potenzialmente vorrebbe realizzare lo stesso mio scopo, ma che per realizzarlo usa sistemi diversi e a mio giudizio poco condivisibili? Apparentemente il risultato finale dovrebbe accomunarci, ma le battaglie interne sono guerre fratricide, non c’è più l’amicizia che crea un sentimento generale di comprensione e condivisione, c’è solo la voglia di apparire, di primeggiare e di raccogliere gratificazioni anche al di là dei propri meriti.
Va beh! ammetto, anche se per me l’amicizia aveva lo stesso valore dell’amore, non era per tutti così nemmeno allora. C’era chi professava amicizia eterna e poi provvedeva alla prima difficoltà o al primo tornaconto a cancellare la tua esistenza, tutta o in parte. Ho amici che resistono da allora, ci si trova e ci si frequenta ancora. Sembriamo i ragazzi di una volta, come in realtà siamo. Il tempo ci ha riunito invece che allontanato, sono nati figli, sono passati fiumi di vita, ma alla fine ci siamo sempre ritrovati e per lo più con lo stesso spirito dissacrante e la stessa voglia di vivere.
Poi invece ci sono gli amici “perduti”, alcuni sono perduti perchè ci hanno lasciato, ma questo gesto involontario non ha chiuso il nostro rapporto, ha soltanto reso impossibile incontrarci e parlarci ancora, ma l’intenzione comunque c’è. A volte per una ragione qualsiasi, una somiglianza o un ciuffo di capelli, li rivedo proprio come erano, giovani e vivaci, ma erano e sono amici. Poi c’è il gruppo dei “perduti” davvero, quelli che erano in un modo e forse era solo una posa, o forse non sapevano davvero cos’era l’amicizia. Quelli, quando ci si incontra, sbagliano tutti i tempi e le modalità, non sanno più comunicare con empatia, ti raccontano dei loro viaggi, dei loro presunti successi e tu li guardi come degli alieni e ti chiedi come hai fatto a pensare che fossero simili a te, che avessere qualche cosa di importante da dirti e loro avessero la capacità di ascoltarti.
Che profonda delusione. Ovviamente più profonda delle nuove amicizie a cui tu sei disposta di dare tutto e che, molto spesso, ti trovi contraccambiata con uno sgarbo, se non con un’acredine degna del peggior nemico.
Forse il mondo non è più abituato ad un’amicizia disinteressata. Forse il sospetto dell’interesse e del tornaconto la fa da padrone e per molti non è possibile pensare che se io do, significhi che necessariamente debba volere qualche cosa in cambio. E questo mi sconvolge, perchè riempie ogni mio gesto di significati che non ha e di volontà che non esistono.
Ma, alla fine come si fa a vivere senza amicizie? Come si fa a fare del sospetto un dettame di vita?
Credo che la colpa maggiore di questo stato di cose siano i rapporti virtuali che ti abituano ad una provvisorietà e poca sincerità nei contatti. La questione è che si vive in un mondo di squali, dove la morte tua è la vita mia e per emergere uno deve affondare gli altri. Triste verità. Io purtroppo essendo di altra generazione penso che il bene degli altri sia anche bene mio ed è su questa lunghezza d’onda che mi muovo. Non penso di privilegiare il mio “lavoro” a scapito di un collega, perchè a lungo andare ne perderemo tutti e due.
Vuoi vedere che il mondo va male proprio perchè non esiste la solidarietà e la lungimiranza che richiederebbero i sani rapporti umani?
Vuoi vedere che pure i contratti di lavoro, la salute e la scuola pubblica, le leggi sociali e il sostegno pubblico e del volontariato sono una schifezza proprio perchè manca il sentimento dell’amicizia e della condivisione?
Sono pessimista? Non saprei che dire, so solo che io gli amici ce li ho, e molti di loro farebbero carte false per me, come io le farei per loro. L’unica cosa che mi dispiace è che tutto questo non sia un sentimento diffuso…
Insomma a chi legge io chiedo: voi che tipo di amici siete? Che tipo di amici avete? E poi: siete interessati a diventare miei amici? Ma amici davvero s’intende… se sì, battete un colpo ;-).

La lunga lezione

In Le Giornate della Memoria, Nuove e vecchie Resistenze, politica on 25 luglio 2011 at 9:51


Non sono nata per essere una grande analista politica, io vivo solo il mio tempo, con tutte le contraddizioni che comporta. Io sento l’aria. Annuso. Percepisco, e non so spiegare quello che sento. Ecco perchè, forse, dovrei lasciare spazio solo a chi ne sa più di me. Ma le mie parole non hanno la presunzione di diventare delle verità assolute. Il mio modo di guardare il mondo serve solo a me stessa e forse trova assonanza solo con quelli che come me vivono di stupori e ancora di entusiasmi.
In questi giorni sono tornata in piazza, forse non per la prima volta, ma almeno con una nuova energia, che nel tempo avevo perduto. Sono tornata dopo l’inizio incerto, ma rabbioso del ’68. Allora la piazza ci apparteneva, sembrava una piazza diffusa, mondiale, e forse lo era. Ma non era tutto, non era di tutti. Basta guardare che già da allora il ’68, vissuto fuori dalle grandi città non era niente, solo uno sbarluccichio della televisione. I ragazzi non erano tutti uguali, se non per una moda che ci accomunava, quello sì, senza guardare in faccia e senza chiedere la localizzazione geografica. Dovevamo imparare fin da allora che la televisione ci avrebbe perduto. Dovevamo capire che il potere che reggeva le fila del mondo, era più forte di noi tutti. In effetti quei ragazzi si trasformarono nelle nuove leve del potere, presero il posto dei loro padri dismessi e allevarono figli senza la vera volontà di lasciarli decidere del loro futuro. Sembra quasi che quella generazione, nata dalla lotta, non abbia abbandonato un unico vezzo: l’idea di essere eterni. Invece il mondo è cambiato, sempre di più intrappolato in quel sistema che ci vuole obbedienti a quelle regole che vorrebbero garantire il progresso economico e il benessere di pochi a scapito di molti.
Sabato ero in piazza. Non una nuova piazza perchè quella numerosissima e coraggiosissima si era mostrata dieci anni fa sulle strade barricate di una Genova assolata. Io ci sono tornata perchè lo consideravo un dovere. Una denuncia che la nostra attenzione non è mai venuta meno, assieme alla nostra memoria. Perchè io sono certa che un mondo senza memoria non ha futuro. Ho percorso le strade insieme ad una moltitudine di persone. Ragazzi che allora non c’erano e adulti che a quel tempo erano ragazzi. Molti di loro che si sono portati appresso quella ferita mai più rimarginata. Quasi tutti portandosi addosso una sensazione di sconfitta e di vaga vergogna. Eppure loro c’erano e sono stati picchiati e vessati. Loro avevano ragione e noi torto e sono stati colpiti al cuore. E noi, gli assenti, abbiamo vissuto una doppia ferita e una doppia vergogna: il non esserci stati e il non aver condiviso tanta ingiustizia e dolore. Certo non è prendendo manganellate che si impara una lezione e mica sempre la lezione impartita genera maggiore conoscenza e coraggio. A volte genera solo paura e rinuncia. Molto spesso ci cambia.
La piazza di Genova 2011, dieci anni dopo, è una piazza cambiata. Sempre di più c’è la consapevolezza della schiavitù che il sistema impone. Lo strapotere del denaro sulla vita di ciascuno. La predominanza di una economia globale esclusiva sullo sviluppo equo e solidale di paesi depressi e depredati. Abbiamo imparato che una piazza non basta a salvarci dalla crisi di un sistema che intende farla pagare a chi meno ha, ma che per numero può fare la differenza. E’ proprio lì, che si scovano nuovi mercati e maggiori sfruttamenti. Ma io, tanto meno sono in grado di analizzare l’economia mondiale. Posso solo dire che oggi mi sento più povera e più depredata, visto che i nostri figli non hanno nemmeno un barlume di futuro. Visto che i miei, nostri, sogni sono stati uccisi in mille piccole guerre, in tante grandi ingiustizie, in maneggi economici impietosi di uomini senza scrupoli, ciechi ed ottusi.
Ho portato, insieme ad altri, in quella manifestazione, il messaggio “Restiamo Umani” in memoria di Vik, ma anche di tutti quelli che sono caduti nel tentativo di rendere questo mondo migliore. E un mondo migliore potrà essere possibile solo se tutti ci crediamo e ci operiamo per renderlo attuabile. Basta il nascondersi dietro a mille giustificazioni e paure che si vestono, per sopravvivere, da principi inderogabili. La lezione dovremmo averla imparata tutti, perchè è da lungo tempo che ci viene impartita: “Anche se noi ci crediamo assolti, siamo lo stesso coinvolti…” e ogni volta che chiudiamo gli occhi ed il cuore consentiamo all’egoismo e agli interessi privati di farla da prodroni. Consentiamo di essere depredati della nostra dignità. E’ solo attraverso la partecipazione e la forza di volontà che si può mettere fine alle ingiustizie, alla fame, alla sete e alla cancellazione dei diritti primari di popolazioni intere. E’ solo attraverso la conoscenza che i segreti di questo “mondo” malato ci vengono svelati. Diamo spazio alle idee, diamo spazio ai nostri figli, a tutti i nostri figli, perchè è loro il domani ed è loro il mondo. Diamogli una possibilità. Consentiamogli almeno questo. Un piccolo sogno da trasformare in realtà: Un mondo migliore è possibile.

66) La gita a Tindari

In Un libro al giorno on 13 agosto 2010 at 8:00

Cosa fosse vigliante, se ne faceva capace del fatto che la testa gli funzionava secondo logica e non seguendo l’assurdo labirinto del sogno, che sentiva il regolare sciabordìo del mare, che un venticello di prim’alba trasiva dalla finestra spalancata. Ma continuava ostinatamente a tenere gli occhi inserrati, sapeva che tutto il malumore che lo maceriava dintra sarebbe sbommicato di fora appena aperti gli occhi, facendogli fare o dire minchiate delle quali doppo avrebbe dovuto pentirsi.

Soluzione
Titolo: LA GITA A TINDARI
Autore: ANDREA CAMILLERI

Trama: Che collegamento può esserci tra un laido personaggio pornografo e “femminaro” che viene ucciso sul portone di un palazzo e la scomparsa, nello stesso condominio, di due inseparabili vecchietti, i signori Griffo che, abituati da sempre a starsene rinchiusi in casa, decidono invece di partecipare ad una di quelle gite “tutto compreso”, a poco prezzo dove durante il percorso si vendono meravigliose pentole? Che cosa può esserci a Tindari che li ha spinti ad andarci? E che fine hanno fatto?
Sarà Beatrice, detta “Beba”, la bella giovane che diverrà nel romanzo successivo L’odore della notte, la moglie dell’amico e vice commissario Mimì Augello, che darà al commissario il primo indizio sul caso. L’accompagnatrice e venditrice gli racconta infatti che durante la gita venivano fatte dall’autista del pullman turistico delle foto ricordo che ingrandite faranno notare al commissario la presenza di un’ auto che seguiva il pullman con i due vecchi coniugi seduti in disparte nell’ultima fila di posti.
I due coniugi, si scoprirà in seguito, sono stati uccisi, mano nella mano, in una lontana campagna secondo uno stile di esecuzione mafiosa. Ma che c’entra la mafia con i due vecchietti?
Aiutante di primo piano all’indagine, oltre ai soliti Fazio e Mimì , questa volta sarà l’addetto al centralino telefonico del commissariato: l’ineffabile piantone Catarella, affezionatissimo e devoto ammiratore del suo dottori, che rivela doti inaspettate di esperto informatico.
Proprio quel Catarella che parla un tutto suo “catarellesco” linguaggio e che quando apre le porte le fa “esplodere” contro la parete provocando la caduta di calcinacci e il quasi infarto del “dottori” , messo da Montalbano al computer dell’ucciso Nenè Sanfilippo, dedicandosi, giorno e notte alla ricerca scoprirà le password che lo proteggono. Analizzando il contenuto dell’hard disk, Catarella, arrossendo per l’imbarazzo, scoprirà foto pornografiche delle avventure del Sanfilippo con Vania Titulesco, moglie rumena del famoso chirurgo Eugenio Isgrò, specialista in trapianti d’organo e la bozza di un romanzo di fantascienza che darà al commissario la chiave per risolvere il caso a suo modo, con un colpo di tiatro…

63) Comici spaventati guerrieri

In Un libro al giorno on 10 agosto 2010 at 8:00

Lucio Lucertola festeggiò il suo settantesimo compleanno svegliandosi. Riteneva questo un fondamentale segreto della vita: svegliarsi e addormentarsi un numero di volte esattamente uguale. Se ci si sveglia anche solo una volta in meno non si recupera più, si sputa la pallina, consummatum est, diceva Lucio che era stato professore di latino e italiano, ed era inoltre Curioso in altre scienze, le naturali, le filosofiche le zoologiche (in particolare i batteri), la botanica urbana, i cinesi, il concetto di inizio finale. Lucio Lucertola sorge dal letto faticosamente, con una protesta rumorosa di tutte le ossa. Un canto melodioso e trionfale lo accompagna. Le stesse cellule senza scrupoli che riempiono di ghiaia arterie e articolazioni del vecchio Lucio, animano il risveglio entusiasta del suo giovane canarino. In un bicchiere sul comodino Lucio ritrova il sorriso da cui si è separato per una notte. Con un colpo di pettine lusinga i trenta capelli superstiti, quindi eroicamente piscia. Ci fu un tempo lontano in cui doveva prendere ogni precauzione perché il dorato arcobaleno non imbizzarrisse e bagnasse ovunque nei dintorni. Ora, proteso sul bianco dell’abisso, sta attento che maligne gocce perpendicolari non gli condiscano le pantofole. Tam citus prosilit, nuc prolapsa prostata. Ama comporre versi, il mattino. Si infila gli occhiali. Si avvicina alla tenda della finestra, la squarcia. Appare al mondo, e il mondo gli appare.

Soluzione
Titolo: Comici spaventati guerrieri (1986)
Autore: Stefano Benni

Trama: È ambientato in una calda estate cittadina; l’ironia di Benni nelle indagini fai-da-te di un piccolo gruppo bizzarro di detective alla scoperta di chi ha ucciso Leone, il suo mito calcistico, il re del quartiere. È una “ricerca” metropolitana frutto di azioni reali, quali appostamenti, inseguimenti, ma anche di atti onirici e di visioni. È un romanzo tragicomico dai molti volti e temi, come quello della distanza fra centro e periferia. da Wikipedia

Piccoli, comici, spaventati guerrieri

In Amici, La leggerezza della gioventù on 26 aprile 2010 at 16:42

Giacomino stava sul tetto, seduto sopra il vano dell’ascensore, controllava con i suoi occhialini da paracadutista la selva di condomini che circondava il suo. Non ci crederete, ma è un lavoro difficile guidare un Condominio. Mica sempre si riesce ad evitare uno scontro. Rosellina curiosa tra le antenne paraboliche e dopo averlo visto si mette davanti a braccia incrociate, come per fermare la sua corsa. “Giacomo, ma che stai facendo?” “Ros non vedi? Sto guidando il Condominio!” Ros, poco convinta, si allontana dal ragazzino borbottando: “Eppure a me sembrava che se ne occupasse il ragionier Sandri…”

(“Minimalia” dal ricordo dello splendido libro di Stefano Benni “Comici, spaventati Guerrieri…”)

Questione di pudore

In Donne, Gruppo di scrittura, La leggerezza della gioventù on 22 gennaio 2010 at 14:56

“Mamma non essere ridicola!
Ma ti rendi conto dell’età che hai?
Non pensi a quando sarai sola e noi figli avremo i nostri impegni e… e poi… non pensi a papà?”
“Lascia stare quel vecchio sclerotico di tuo padre.
Mi sono stufata e non lo reggo più.
Se ne vada dove vuole, ma non starà un momento di più sotto questo tetto.”
“Ma non pensi a quello che dirà la gente?
In fin dei conti sono quasi cinquant’anni che state insieme, non ti sembra un comportamento un po’ eccessivo?
E poi… hai settantanni, non ha senso che ti riprenda la tua libertà? Per farne cosa? Ma hai pensato a noi figli?”
“Non vedo proprio cosa c’entrate voi figli, avete le vostre vite ed io mi sono già sacrificata abbastanza.
E poi la gente… la gente mica gli lava le mutande la gente, mica svuota i suoi posacenere e pulisce il water quando lo ha usato neh! Io sarò vecchia, ma lo sono meno di lui, ho diritto di vivere pure io o no?”
“Ma papà è confuso, dove vuoi che vada?
Non posso mica ospitarlo a casa mia, lo sai che abbiamo solo la stanza di Carletto e poi Mimma ha i suoi impegni, non posso farle carico di papà e delle sue manie.”
“Ecco lo vedi? Anche tu sai che è un uomo impossibile.
Io ci ho sprecato la vita con lui.
Mai una soddisfazione, mai una carineria. Io sono una donna che ha i suoi bisogni e lui non se n’è mai accorto.
Ma lo sai che mi prendevano per sua figlia quando lavoravo da lui? Avrei avuto anche io le mie belle soddisfazioni, mica ero come adesso, ad un uomo avrei potuto far perdere la testa.
Invece avevo la famiglia, dovevo pensare ai figli, ma adesso non serve più, rivoglio indietro il mio tempo perduto.”
“Ma cosa farai da sola?
Non pensi che potresti aver bisogno di compagnia? Di qualcuno con cui parlare e che si occupi di te quando stai poco bene?”
“Tuo padre? Ma se non c’era mai quando ho avuto bisogno di lui.
Mica fa differenza… anzi la fa solo perchè avrò meno impegni, meno seccature, non sono la sua infermiera, non sono la sua serva, si trovi una badante, una di quelle extracomunitarie che se lo ripassino per bene. Magari con quelle si comporta da uomo, a meno che non se lo sia completamente dimenticato com’è fatto un uomo.”
“Ma mamma… che dici? Alla tua età, ma non hai un po’ di.. un po’ di… pudore…”
Lei aveva alzato le spalle con un’aria da bambina ostinata. Che ne sapeva suo figlio di cosa volesse dire per una donna come lei una “questione di pudore”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: