rossaurashani

Posts Tagged ‘razza’

“Un popolo senza terra per una terra senza popolo” ovvero come occupare una terra che non ti appartiene con il benestare di Dio.

In Anomalie, Informazione, Le Giornate della Memoria, Nuove e vecchie Resistenze, personale on 27 giugno 2012 at 22:43

Per molto tempo ho sostenuto inutili discussioni con persone che partivano dal presupposto che, tutto quello che non confermava le loro poco provate teorie, era assolutamente falso. Pertanto essendo il loro pregiudizio assoluto, nessuna prova concreta o ragionamento teorico o pratico poteva far di loro delle persone atte, almeno in parte, al dubbio.
Si possono consumare molte parole, portare prove, parlare anche con la voce di intellettuali di comprovate qualità, ma niente smuove la loro certezza: la loro è una fede, è pertanto è la verità.
Nulla possono i saggi di Shlomo Sand, docente di Storia contemporanea all’università di Tel Aviv che dalla sua posizione di persona probabilmente laica crede fermamente che sia un”Invenzione la razza ebraica”. Troppe sono le prove storiche e le interpretazioni personali delle scritture atte a comprovare il diritto delle popolazioni ebraiche al territorio palestinese, tanto da chiedersi se la diaspora sia quella che porta alcuni ebrei in Israele, piuttosto di quella che ha fatto vivere tante persone, di religione ebraica, in territori che a tutti gli effetti erano la loro patria.
Ma tutto questo a quale scopo? Forse quello di dare uno Stato ad una popolazione non autoctona rubando la terra ad una popolazione che invece ne era proprietaria a tutti gli effetti? Beh sinceramente: sì!
Alla fine mi viene da pensare che a volte, un Dio immobiliarista, fa veramente molto comodo e risolve ogni problema etico e morale che ci potrebbe venire di fronte ad un’occupazione, questa sì, senza nessun motivo accettabile eticamente e moralmente.

64) La razza in estinzione

In Una canzone al giorno on 11 agosto 2010 at 12:00

Non mi piace la finta allegria
non sopporto neanche le cene in compagnia
e coi giovani sono intransigente
di certe mode, canzoni e trasgressioni
non me ne frega niente.
E sono anche un po’ annoiato
da chi ci fa la morale
ed esalta come sacra la vita coniugale
e poi ci sono i gay che han tutte le ragioni
ma io non riesco a tollerare
le loro esibizioni.

Non mi piace chi è troppo solidale
e fa il professionista del sociale
ma chi specula su chi è malato
su disabili, tossici e anziani
è un vero criminale.
Ma non vedo più nessuno che s’incazza
fra tutti gli assuefatti della nuova razza
e chi si inventa un bel partito
per il nostro bene
sembra proprio destinato
a diventare un buffone.

Ma forse sono io che faccio parte
di una razza
in estinzione.

La mia generazione ha visto
le strade, le piazze gremite
di gente appassionata
sicura di ridare un senso alla propria vita
ma ormai son tutte cose del secolo scorso
la mia generazione ha perso.

Non mi piace la troppa informazione
odio anche i giornali e la televisione
la cultura per le masse è un’idiozia
la fila coi panini davanti ai musei
mi fa malinconia.
E la tecnologia ci porterà lontano
ma non c’è più nessuno che sappia l’italiano
c’è di buono che la scuola
si aggiorna con urgenza
e con tutti i nuovi quiz
ci garantisce l’ignoranza.

Non mi piace nessuna ideologia
non faccio neanche il tifo per la democrazia
di gente che ha da dire ce n’è tanta
la qualità non è richiesta
è il numero che conta.
E anche il mio paese mi piace sempre meno
non credo più all’ingegno del popolo italiano
dove ogni intellettuale fa opinione
ma se lo guardi bene
è il solito coglione.

Ma forse sono io che faccio parte
di una razza
in estinzione.

La mia generazione ha visto
migliaia di ragazzi pronti a tutto
che stavano cercando
magari con un po’ di presunzione
di cambiare il mondo
possiamo raccontarlo ai figli
senza alcun rimorso
ma la mia generazione ha perso.

Non mi piace il mercato globale
che è il paradiso di ogni multinazionale
e un domani state pur tranquilli
ci saranno sempre più poveri e più ricchi
ma tutti più imbecilli.
E immagino un futuro
senza alcun rimedio
una specie di massa
senza più un individuo
e vedo il nostro stato
che è pavido e impotente
è sempre più allo sfascio
e non gliene frega niente
e vedo anche una Chiesa
che incalza più che mai
io vorrei che sprofondasse
con tutti i Papi e i Giubilei.

Ma questa è un’astrazione
è un’idea di chi appartiene
a una razza
in estinzione.

Soluzione
Titolo: LA RAZZA IN ESTINZIONE   (La mia generazione ha perso)
Autore: GIORGIO GABER


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: