rossaurashani

Posts Tagged ‘forze dell’ordine’

Tutti eroi anzi agnelli

In Anomalie, Mala tempora currunt, politica, uomini on 25 ottobre 2011 at 22:54

Mi chiamo Giuseppe e sono un poliziotto. Sì, sapete uno di quelli malpagati, ma che ormai c’è dentro e si adatta. Veramente non tutti sono come me, c’è anche chi ci crede o che fa finta di crederci, ma non mi piacciono quelli, perchè riescono a fare il nostro lavoro, ma si prendono delle gratifiche extra e fanno cose… che a me non va di fare.
Sabato scorso ero a Roma, mi hanno mandato con la mia squadra da un commissariato di fuori. Io sono nato al nord e a Roma ci sono stato solo qualche volta, ma tanto vale perchè dalla caserma si esce poco e poi a che fare? Nel mio gruppo siamo tutti giovani e non abbiamo ancora fatto il callo quando il capo ci tratta come dei coglioni, ma questo è il mio mestiere e mi dà da mangiare.

Dicevo: sabato eravamo di servizio alla manifestazione di quei fessi che sono qui solo per darci il tormento. I nostri dirigenti non ci hanno detto niente di quello che poteva accadere, però ci hanno chiarito una cosa: “State in campana, ma qualsiasi cosa succeda, paratevi il culo. Insomma non si interviene, per quello ci pensa la Mobile che loro sanno cosa fare.”
Antonio che è figlio di un carabiniere ha chiesto: ” Ma sono previsti disordini?” e quelli hanno risposto: “Ma a te che te ne frega. Se succedono sono cazzi loro.” E se ne sono andati ridendo. Antonio ha aggiunto: “Anche stavolta ci mandano a sgozzare l’agnello”.

Lui ne sa di più perchè ha esperienza e poi si può dire che in casa sua tutti hanno i piedi piatti. Ci dice che la figlia di 17 anni di sua sorella va alle manifesazioni, lui alla sua non lo permetterebbe mai, preferirebbe aprirgli la testa piuttosto, così almeno non trova nessun collega che glielo fa per lui. A volte penso che sia fin troppo cinico, ma se dice questo, una ragione ci sarà pure.

Io queste cose non le capisco. Non mi interesso di politica mi faccio sempre i cavoli miei, ma quando mi sento preso in mezzo, provo una rabbia che non posso spiegare. Non capisco perchè ci sono 4 cretini che fanno le manifestazioni e che mi impediscono di fare turni decenti quasi tutti i fine settimana. Se ne stessero a casa loro, sarebbe meglio per tutti. E poi che vengono a fare? Non hanno ancora capito che qui non si leva un ragno dal buco. A noi che teniamo bordone a questo governo, ci lesinano i soldi persino per la carta igienica pensa che nemmeno la benzina ci danno per fare il nostro lavoro. Ma ti pare che dobbiamo prenderci le maledizioni da tutti… e a che pro?

Così io penso, perchè ho deciso di entrare in polizia proprio per non dover tutti i giorni sbarcare il lunario. Intanto di coglioni da arrestare ne trovo sempre e il lavoro non manca. Non credevo che poi alla fine mi trovavo ancora a lesinare il pane… ma non è per questo che ho cominciato a parlare, almeno non è solo per questo… Sabato mi sono sentito una merda, ma mica perchè sono successi quei fatti lì, quelli sono fatti che capitano sempre. Siamo abituati. Solo che questa volta ci hanno esposto noi ai pericoli senza permetterci di muovere le mani per difenderci e disfare quei quattro esaltati che ci prendevano in giro. Vero che non erano proprio quattro, ma solo pochi a parer mio la stavano facendola fuori dal vaso. Io ci ho occhio per queste cose e capisco chi sarebbe meglio prendere e buttare nel pattume. Ma l’ordine era: non intervenire. Antonio era molto nervoso, aveva voglia di menare le mani, diceva che non si poteva fare così, che qualcosa non quadrava e che quell’organizzazione iniziale e i disordini sapeva tanto di militare.

Abbiamo chiesto varie volte rinforzi, ma ci dicevano che erano impegnati su altri fronti, oppure che ci avrebbe dato una mano la Finanza. Allora Antonio è andato su tutte le furie. Che ci fanno quelli con noi? Ma allora è vero che ci mettono qui sperando che siamo noi a fare gli agnelli.

A questo punto ho pensato che, sia che stai da una parte che dall’altra, non c’è scampo. Sei una pedina in mano al potere. E questo mi faceva incazzare anche perchè ormai era tardi e noi avevamo in stomaco solo un panino da mezzogiorno. E poi l’odore dei lacrimogeni veniva anche dalla nostra parte  e arrivavano i sassi  e le imprecazioni. Eravamo noi a dover fare l’agnello sacrificale come aveva detto Antonio. E sinceramente non mi pagano a sufficienza  per rimetterci la vita. E pensare che avevo illusioni su come mi sarei sentito a fare questo mestiere. Pensavo che mi sarei sentito orgoglioso della divisa. Bel fesso sono. Che poi nemmeno la divisa ci passano e dobbiamo arrangiarci coi jeans che per la verità non sono d’ordinanza. E io che pensavo che avrei fatto l’eroe e che avrei avuto una vita sicura… ma sicura di che?  Una volta finisco con il manganellare le nipote dei miei colleghi e un’altra sto qui a farmi manganellare dai miei colleghi vestiti da teppisti, o forse no. Chi può dire che sono colleghi quelli. Forse Antonio vede troppi film americani. Forse noi siamo davvero eroi dei nostri tempi.

(ogni riferimento a fatti e persone realmente esistiti è puramente casuale e poi chi può immaginare che le forze dell’ordine possano parlare e agire così? Nessuno, esiste solo nei brutti racconti di fantapolitica)

Dieci anni e sembra ieri

In Anomalie, Antifascismo, La leggerezza della gioventù, Le Giornate della Memoria, Nuove e vecchie Resistenze, Pietas on 20 luglio 2011 at 11:01

Quel giorno di luglio mi ero svegliata con uno strano senso d’ansia dentro, che non sapevo spiegare. Mio figlio aveva da poco finito la scuola e per fortuna avevano deciso di partire per un viaggio studio in Inghilterra. L’ansia poteva essere legata al fatto che non amavo saperlo lontano, ma mi adattavo da brava madre. Tutto sommato il fatto che non andasse a Genova per il G8 mi faceva sentire un po’ meno preoccupata per lui. E proprio da questa riflessione mi era venuto il dubbio che fosse proprio per quella grande manifestazione che mi stavo facendo delle paranoie. La verità è che quando si ha figli, anche gli altri figli sconosciuti, di altri genitori sconosciuti, diventano in qualche modo figli tuoi. Nel pomeriggio ho acceso la tv per seguire la diretta. Il caldo torrido da tutte e due le parti e la luce accecante. Una marea di ragazzi: uomini e donne dai quali si percepiva chiaramente la tensione di un giorno che non sarebbe stato come un altro. Un giorno luttuoso. E se ci scappasse il morto? Pessimismo di madre, mi ero detta. Cosa vai a pensare. Non saranno così irresponsabili da creare una situzione così pericolosa. E questo pensiero non lo dedicavo certo a chi faceva la manifestazione. Guardavo le forze dell’ordine, nere e spaventose come anomalie subumane che frequentano i nostri incubi peggiori. Attenti alla provocazioni! Mi dicevo e soffrivo di quella tensione e del calore infame di quel sole.
Passo a passo la folla diventava più grande e ammassata. Non ricordo più se gli scontri erano già iniziati oppure se solo ne stavano parlando, non ricordo più nemmeno le parole, ricordo solo le cariche di quelle inquietanti figure nere, la loro violenza e la loro determinazione. E tutto si confonde e la massa di gente sbanda, si ritrae, c’è chi scappa, chi risponde lanciando sassi. La polizia picchia e picchia duro. I lacrimogeni nascondono le immagini. I fantasmi colorati si contraggono, i neri aprono varchi, isolano, picchiano. E ogni strada sembra pullulare di gente che scappa e di uomini travestiti da mostri che li inseguono. Li chiudono dentro a vicoli e piazze. Li massacrano.
Io ho il fiato sospeso da un pezzo. Non voglio vedere eppure non riesco a togliere gli occhi. Per fortuna mio figlio è lontano. Strano egoismo di madre. Se lo sapevo lì, sarei sicuramente morta. Ma lì c’erano gli altri miei figli e non potevo allontanarmi, nemmeno per bere un bicchiere d’acqua. Se lo avessi fatto sarebbe potuto succedere di tutto. E succedeva di tutto. Ore di angoscia davanti a delle riprese reticenti. A giustificazioni poco plausibili. La colpa solo da una parte. Essere giovani e velleitari… la colpa peggiore. I Black Bloc, di loro non sapevo, erano vestiti di nero e mi parevano più poliziotti che dimostranti. Erano arrivati in massa. Ma se li avevano visti arrivare perché non li avevano fermati? Ne avevano fermati tanti alla stazione, al valico di frontiera, perché loro no? Solito cercare il complottismo anche dove non c’è. Spero che almeno loro saranno responsabili. Ed invece la responsabilità quel giorno non c’era. Non c’era nessuna volontà di far andare le cose per una strada ragionevole. Si doveva fermare il movimento e qual era il posto migliore se non nel nostro paese? Ed il morto ci fu, quasi in diretta televisiva, e quel ragazzo in canottiera riverso per terra mi straziava il cuore, il suo sangue scuro mi bruciava l’anima. Ho pensato a tutti i suoi sogni perduti. Ho sofferto il dolore di suo padre e di sua madre, quello dei suoi amici, quello di tutte le madre deprivate di un figlio. Ho pianto e ho gridato dentro al cuore: “Assassini!” Ma non sarebbe stato l’ultimo grido. La carneficina sarebbe continuata e continua ancora. L’avremmo vista alla Diaz, a Bolzaneto e ancora per le strade, ne avremmo avuto pieni gli occhi e la testa. Il morto lo avete avuto, perchè cercarne degli altri? E dopo di allora nulla è più stato uguale. E’ stata uccisa l’innocenza e dopo di allora tutto è stato avvelenato ed intossicato.
Dieci anni e sembra ieri, anche perché proprio ieri, di fronte a gente che voleva essere ascoltata e che chiedeva giustizia, si sono presentate le stesse dinamiche, la stessa volontà. Stavolta lo sfondo non era il mare, ma i monti, comunque lo stesso copione e le stesse immagini. E ho tremato ancora.
Sabato, la vecchia madre che ha pianto davanti a quelle immagini ha preso su il suo coraggio e la sua voglia di non farsi schiacciare e andrà a Genova. Anch’io ci sarò assieme al mio vecchio e imbattibile compagno. Ci confonderemo tra la folla e grideremo insieme agli altri. “Carlo vive“.

Tornano i Katanga?

In Nuove e vecchie Resistenze on 1 gennaio 2011 at 20:58


A volte la Storia va letta anche nei piccoli particolari, perché proprio per le dimensioni, riescono a sfuggirci.
Inutile tergiversare questa è la vera storia dei Katanga raccontataci da Jacopo Fo o almeno questa è la storia senza la bellezza della leggenda.

Il Servizio d’Ordine e’ criminale?
“Cosa succede quando gli studenti si organizzano militarmente? E’ un bene?
Troppi dei commenti ai miei articoli dei giorni scorsi sono intrisi di parole gravi. E’ indiscutibile che una grande fetta di giovani non ne può più di questa Italia corrotta che ruba il loro futuro. Hanno ragione. Hanno tutte le ragioni. Ed è ovvio che di fronte a una polizia che picchia ci sia qualcuno che si stanchi di porgere l’altra guancia.
Siamo di fronte a un bivio storico per il movimento studentesco: bisogna scegliere se e come intraprendere la via violenta.
Io credo che a volte non bisogna solo decidere se un’azione sia giusta; bisogna anche valutare se con quell’azione si possono ottenere i risultati desiderati.
L’Anc di Nelson Mandela ad un certo punto della sua lotta contro il fascismo razzista sudafricano intraprese azioni violente ma ad un certo punto decise di interromperle perché sarebbero state controproducenti e grazie a questa elasticità di pensiero ottenne la parità dei diritti per i neri.
In questo momento molti sostengono la necessità di costruire un servizio d’ordine efficiente, che impedisca ai provocatori e alle frange violente di usare i cortei come palcoscenico e come protezione per le loro scorrerie a sfasciar vetrine.
Vorrei qui raccontare cosa successe nel 1969 quando il Movimento Studentesco di Milano si trovò di fronte allo stesso problema.
Credo che la nostra storia possa offrire informazioni interessanti, utili per i giovani che oggi devono decidere che fare e come farlo.
E questo anche perché pochi hanno raccontato cosa successe veramente.
Leggo ad esempio, con raccapriccio, sul Corriere, l’intervista a Mario Martucci, che era tra i capi dei Katanga, il servizio d’ordine del movimento studentesco.
In questa intervista Martucci, oggi passato a posizioni politiche centriste dopo un transito alla corte di Craxi, magnifica le capacità dei Katanga nell’evitare sfasci di vetrine. Vero.
Ma Martucci tace su tutto il resto.
Per una serie di casi, mi trovai alla Statale di Milano quando venne annunciata la fondazione dei Katanga, che ancora non si chiamavano così.
I fasci avevano compiuto una serie di assalti e imboscate mandando all’ospedale molti compagni. Tramite il passaparola un centinaio di “compagni fidati” erano stati convocati in un’aula dell’Università Statale (Lettere). Un ragazzone fece un discorso molto breve. Disse grossomodo: i nostri compagni sono all’ospedale, uno e’ gravissimo, qui non parleremo di questo, siamo qui perché dobbiamo vendicare i nostri compagni. E’ ora che il movimento risponda alla violenza e per inciso abbiamo deciso di strutturare un servizio d’ordine permanente, dobbiamo sapere su chi possiamo contare. Ora discutiamo di come farla pagare ai fascisti. Usciamo di qui e andiamo a fargli visita. Chi non se la sente esca subito.
Io avevo 14 anni e non me la sentivo proprio. Così mentre un compagno distribuiva spranghe a tutti i presenti, una sessantina, io e qualche altro e quasi tutte le ragazze ce ne uscimmo. Mi vergognavo tremendamente… Ma non avevo mai dato neppure uno schiaffo a qualcuno e non me la sentivo proprio di partecipare a un raid a bastonate.
Nella mia testa non passò neanche il minimo dubbio sul fatto che comunque quei compagni stessero agendo giustamente. Avevamo subito pestaggi e assassinii e ad eccezione di qualche reazione spontanea durante le cariche della polizia non avevamo mai dato una risposta organizzata alla violenza del potere.
In effetti poi qualche perplessità la sentii, nella mia coscienza, quando una compagna, con qualche anno più di me, che aveva partecipato al raid mi raccontò cos’era successo.
Era restata un pò sconvolta anche lei… Erano arrivati da varie direzioni in San Babila, erano entrati contemporaneamente in due bar ritrovo dei fascisti, massacrando tutti gli avventori giovani, in sei o sette erano finiti in ospedale con varie fratture e commozioni craniche. Era un’azione di giustizia sommaria e non c’era modo di sapere che livello di responsabilità avessero quei ragazzi presi a bastonate. Essere in quel bar era una prova sufficiente della loro colpevolezza?
La mia amica era restata scioccata anche dalle istruzioni che un pazzo dava in macchina mentre andavano in San Babila (percorrendo un lungo giro per arrivare dal lato opposto). I consigli vertevano sui punti da colpire per provocare danni permanenti senza uccidere: gomiti e ginocchia.
Mi chiesi se non fosse una cosa orribile. E decisi che quel modo di ragionare era mostruoso ma in fondo non lo condannai completamente… Erano “compagni che sbagliano” ma comunque erano compagni.
Non partecipai alla prima assemblea del servizio d’ordine al completo. Ma ne ebbi un racconto dettagliato. Si trovarono circa trecento compagni scelti tra i più validi e fidati. Erano presenti anche una ventina di ragazze tra le quali una mia amica che era veramente imponente. Il primo intervento lo fece Luca Cafiero, che era professore, eletto anni dopo al parlamento come indipendente nelle liste del PCI e ora filosofo. Iniziò dicendo: “Fin dai tempi delle rivolte degli Iloti contro l’aristocrazia ateniese, il sasso e’ stata l’arma principale dei ribelli”.
Le prime azioni dei Katanga furono in effetti improntate sulla tradizione della falange greca.
Storico fu il primo assalto frontale contro la polizia qualche settimana dopo.
I Katanga attaccarono frontalmente le forze dell’ordine in ranghi serrati. Le scariche di pietre venivano lanciate contemporaneamente da ogni fila che ubbidiva alle grida del capocordone.
La polizia non era preparata a reggere la carica e il corpo a corpo con un quadrato compatto di uomini che permetteva a quelli della seconda e terza fila di lanciare pietre a distanza ravvicinata mentre già la prima fila iniziava a colpire con le spranghe. E mentre le spranghe delle seconda fila venivano a dar man forte a quelle della prima fila, la terza fila e la quarta continuavano a scagliare pietre.
Notevole fu poi la capacità dei Katanga di ritirarsi subito dopo l’assalto devastante e disporsi dietro ai “Giornalisti Democratici”. In questo modo i poliziotti inferociti massacrarono i giornalisti. Il giorno dopo il Corriere della Sera uscì con articoli di fuoco contro le Forze dell’Ordine che scavalcarono a sinistra i volantini del movimento.
I Katanga si allenavano in palestra, avevano una disciplina impressionante, marciavano in formazione e difendevano i cortei in modo estremamente efficiente.
Le cose iniziarono a migliorare.
Salvo per il fatto che avevamo alzato il livello dello scontro e qualche compagno ci rimise la pelle.
Fui sconvolto vedendo Santarelli rantolare dopo che un lacrimogeno sparato ad altezza d’uomo lo colpì in pieno petto. Morì di lì a poco. Ma l’orrore che provai non mi fece venir dubbi sul percorso che stavamo seguendo: la polizia e i fascisti ci attaccavano quotidianamente e noi dovevamo difenderci. I Katanga erano quello che ci serviva. Ogni compagno che moriva ci rendeva più determinati a combattere.
Ma ben presto iniziarono le scissioni. E ogni gruppo che nasceva si costruiva il suo servizio d’ordine. Io entrai nel Gruppo Gramsci che aveva il servizio d’ordine più minuscolo e sfigato della città. Eravamo una ventina.
Poi successe che il Movimento Studentesco, che era diventato anch’esso un “partito”, diretto da Capanna, perse alcune assemblee di facoltà, cosa gravissima perché permetteva ai vincitori di chiamarsi Movimento Studentesco di quella facoltà. Mentre quelli restati con Capanna rivendicavano l’esclusiva della sigla MS.
Dalla sconfitta in assemblea scaturirono accuse di brogli e cammellaggi e iniziarono le botte. Decine di feriti in tutta la città. Poi iniziarono i pestaggi nei licei. Al Berchet, dove studiavo, arrivarono in 4, all’ora di uscita, uno aveva una lista di nomi in mano. Chiesero: “Chi è Minervini?” Minervini li guardò perplesso: “Sono io.” Gli saltarono addosso con le chiavi inglesi e lo lasciarono per terra sanguinante. Non facemmo in tempo a reagire che erano già scappati a bordo di un maggiolino.
Indiscutibilmente i Katanga erano molto abili.
Ma scatenarono una guerra che durò mesi e che arrivò a parossismi come l’assalto a Scienze presidiata da un migliaio di militanti armati di bastoni e pietre. I Katanga arrivarono in formazione da combattimento, disposti in quadrati composti da un centinaio di uomini ciascuno.
Solo l’intervento della polizia evitò una battaglia campale tra gli eserciti dell’estrema sinistra.
Poi ci fu il massacro dei militanti di Lotta Comunista, che diedero l’assalto alla Statale e furono picchiati selvaggiamente con scene di bassa macelleria.
Per un paio di anni i feriti a causa degli scontri tra compagni furono più del doppio di quelli causati da fascisti e polizia.
E molti episodi che vennero denunciati come aggressioni fasciste erano in realtà scontri tra compagni. E ci furono casi gravissimi che vennero nascosti. Ad esempio quando un dirigente trotschista si trovò sotto casa una squadra di Katanga e reagì sparando.
Ovviamente questa lotta fratricida disgustò molti e fu la causa principale di un allontanamento di massa dalla politica.
E fa un po’ senso che a distanza di 40 anni il Corriere della Sera pubblichi un’intervista nella quale l’ex comunista Marcucci si vanta sostanzialmente delle proprie gesta. E anzi racconta, con una punta di vanagloria, di quando fece mangiare a Gad Lerner una mozione che Gad aveva appena scritto. Martucci ricorda male, non eravamo al Berchet ma a Scienze, in aula magna, mi pare il giorno precedente alla marcia dei Katanga sulla facoltà.
E Gad non si rimangiò molto. Visto che c’eravamo anche noi a presidiare Scienze. E anzi le minacce di morte di Martucci furono tra le gocce che fecero traboccare il vaso e che portarono alla decisione di tutti i gruppi milanesi di coalizzarsi per fermare i Katanga. C’erano quelli di Architettura che avevano sbaragliato la polizia per un’intera notte, c’era Lotta Continua, che si portava dietro la Banda Bellini, duecento ragazzi delle periferie che si ritrovavano in una palestra di boxe, e c’erano Lotta Comunista e Avanguardia Operaia, più una decina di gruppi minori.
Io mi chiesi se sarei riuscito a picchiare un compagno.
Io facevo politica per cambiare il mondo ma mi rendevo conto che stavamo facendo ben altro.
Quel giorno ebbi la sensazione che fossimo arrivati alla fine del movimento.
Mi dissi che non avevo voglia di dare una sprangata a un compagno e mi ritirai nelle retrovie. Non sapevo che cosa avrei fatto se i Katanga avessero sfondato la prima linea e mi fossi trovato di fronte la carica delle falangi di Capanna.
Avevo una spranga in mano, nessuna voglia di usarla e una grande amarezza dentro. E benedissi la polizia quando arrivò e si mise tra noi e i Katanga. E lo fece anche in modo incredibilmente pacifico. Peraltro nessuno aveva intenzione di attaccare la polizia: eravamo lì per picchiarci tra di noi.
Pochi dei giovani di allora hanno raccontato questa parte meschina della rivolta degli anni settanta. Ed e’ un peccato. Se non si digerisce la propria storia si espongono i nostri figli al rischio di compiere gli stessi errori. Se i partigiani ci avessero raccontato anche la parte sporca della guerra di liberazione (ci fu anche questo) forse noi avremmo riflettuto un po’ di più prima di decidere che il migliore strumento a nostra disposizione per cambiare il mondo era un tondino di ferro lungo 50 centimetri.
Non dico che la rivolta studentesca fu solo una storia di servizi d’ordine. Dico che a un certo punto la logica della violenza riuscì a mettere in secondo piano, nei fatti, la nostra lotta per il cambiamento. Eravamo troppo impegnati a difenderci e contrattaccare militarmente per occuparci con energie sufficienti di costruire il nuovo.
La violenza non e’ solo orribile. Possiede anche una straordinaria forza di accentrare su di sé le energie. Se inizi a praticare la violenza essa finisce per monopolizzare le tue migliori capacità. E’ difficile combattere e pensare nello stesso momento.”

Forze dell’ordine baluardo della democrazia?

In Informazione on 7 ottobre 2009 at 21:34

Riporto di seguito il commento sull’assoluzione del prefetto De Gennaro e del dirigente della Digos, per i fatti di Genova, che Nomadus ha messo nel suo blog tpi-back. Inutile dire che condivido quanto da lui esposto anche se non tutta la magistratura teme di toccare gli intoccabili.

“Cara ROSS, alla vergogna non c’è mai limite. Senti quello che dice GASPARRI: “L’assoluzione del prefetto De Gennaro e del dirigente della Digos di Genova dimostra che per anni è stata organizzata un‘immotivata campagna di denigrazione delle forze dell’ordine, che a Genova nel 2001 difesero la legalità da un’autentica sommossa che sconvolse la città. Anni e anni di processo e di polemiche basate sul nulla. Rinnoviamo in questa occasione la solidarietà alle forze dell’ordine, baluardo della democrazia in Italia”. Meno male che c’è anche la mamma di Carlo Giuliani che dice:”La sentenza non mi stupisce: De Gennaro fa parte della categoria degli INTOCCABILI del nostro Paese. Dopo i fatti di Genova ha avuto una carriera sfolgorante, quindi non ho alcun stupore davanti a una sentenza di assoluzione di questo tipo. Era prevedibile che assolvessero l’uomo che gestisce i servizi segreti. E poi per cosa? Per un fatto che ormai non interessa più a nessuno? La battaglia per ottenere giustizia sui fatti di Genova è stata una battaglia persa sin dal primo giorno”. Legittima amarezza e sconforto di una madre che ha visto strapparsi il figlio in quel modo assurdo. E nessuno che ha pagato. Questa è l’Italia, mia cara ROSS. Buona giornata anche a te. Se così si può dire…”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: