rossaurashani

Posts Tagged ‘disegno’

Handala (erba amara)

In Amici, amore, Anomalie, Gaza, Guerra, Le Giornate della Memoria, Libri, Nuove e vecchie Resistenze on 4 dicembre 2011 at 21:11

Handala (o Hanzala), dall’arabo حنظلة (“erba amara”) è un personaggio creato dall’artista palestinese Naji al-Ali (morto assassinato nel 1987).
È un bambino di 10 anni, con capelli ispidi, piedi nudi e toppe sui vestiti; il suo volto non è visibile poiché viene mostrato sempre di spalle e con le mani intrecciate dietro la schiena, come una presenza muta ma ostinata.
Il personaggio ha molteplici significati: la sua testa assomiglia a un sole, che simboleggia il futuro; i suoi capelli sono come gli aculei di un riccio, per difendersi; ha i piedi nudi perché è povero come i bambini dei campi di rifugiati; mostra sempre le spalle a chi lo guarda perché non d’accordo con la situazione attuale (mostrerà il suo volto solo quando la situazione cambierà); lo sguardo è rivolto ai villaggi, al mondo; è rimasto bambino, perché quando fu costretto ad abbandonare il suo villaggio era bambino, e la sua vita continuerà, e quindi crescerà, solamente quando potrà fare ritorno a casa.
Su di lui, il suo autore ha scritto: «Inizialmente era un bambino palestinese, ma il suo significato si è sviluppato con un orizzonte prima nazionale, poi globale e umano. È un semplice bambino povero, e questa è la ragione per la quale le persone lo hanno adottato e lo sentono come simbolo della loro coscienza».
Questo è ciò che ci riporta wikipedia.
Questo personaggio mi è venuto in mente molte volte in questi giorni, sia perchè appariva come uno dei simboli nel manifesto della “giornata internazionale per la Palestina” che abbiamo organizzato in collaborazione con i Ragazzi di Ca’ Tron Città Aperta (giovani svegli ed attivi sul territorio, i quali si sono opposti alla vendita, a privati, di un palazzo sul Canal Grande sede della facoltà di Urbanistica dello IUAV di Venezia, occupandola) sia per la mostra “Post Traumatic Stress Disorder – I bambini disegnano il conflitto” che abbiamo ugualmente organizzato in una prestigiosa sede del centro storico.
Parlare dei disegni dei bambini di Gaza  e proprio di quei bambini che vivono nella situazione più difficile di tutte le zone del Medio Oriente, mi ha fatto davvero pensare ad Handala. Mi ha fatto fare un salto letterario anche  al piccolo Oskar che nel “Tamburo di latta” di Gunter Grass, si era rifiutato di crescere a causa dell’avvento del nazismo. Così Handala continuerà a guardare i villaggi, mostrandosi di spalle, proprio quella terra che è stato costretto ad abbandonare da piccino ed il suo rifiuto di crescere per diventare adulto è lo stesso che impose questa scelta  al piccolo Oskar durante gli anni bui del Terzo Reich.
Vorrei parlarvi della soddisfazione di vedere tanti giovani uniti e sorridenti, tutti partecipi e pronti a sostenere una causa e vorrei anche farvi apprezzare l’impegno di una mostra estremamente difficile e anche di grande impatto per la sua evidente denuncia sociale. Vorrei parlarvi di quei disegni incredibili di bambini che hanno perso la possibilità di vivere come tali. Di soli e case che piangono, di carri armati e buldozer che distruggono ulivi che nell’immaginario di quei bambini sono assimilati alla vita, di compagni di giochi lasciati nella polvere, di aerei ed elicotteri che bombardano case, scuole e ospedali, di donne che piangono la perdita dei loro cari, di muri alti e di corsi d’acqua proibiti, disegni di paura e di rabbia, ma mai rassegnandosi al proprio destino. Vorrei potervi trasmettere l’emozione che mi ha dato leggere i loro acerbi pensieri, le paure, la voglia di vivere, comunque, malgrado tutto e pure il sogno della rivalsa: “Quando sarò grande diventerò il Presidente della Spagna, sarò amato e benvoluto, tutti diranno che grande Presidente ha la Spagna. Poi metterò su il mio esercito e andrò a liberare la Palestina.”
Handala è un’erba amara e la mia speranza è che sia anche una pianta molto vitale e difficile da sradicare, solo questo può permettere ad un popolo di resistere al di là di ogni sventura e costrizione umana. Un giorno Handala mostrerà il suo volto di bambino e guarderà intono a sè, con occhi ridenti, la sua terra liberata e riconquistata, felice di essere tornato e anche di sentirsi finalmente libero di essere bambino e di poter diventare adulto, come è giusto che sia. Anche Oskar dopo tanto e forse troppo tempo aveva ricominciato a crescere ed era diventato uomo, dopo tanta sofferenza e puntigliosa resistenza aveva deciso che un nuovo mondo gli veniva promesso e che non gli serviva più il rullo del suo tamburino di latta per  fermare il tempo. Il tempo gli era stato riconsegnato di nuovo intatto e così  Oskar  ha potuto dimenticare. Riuscirà Handala a fare lo stesso? Avrà vita a sufficienza per attraversare la diaspora del suo popolo? Avrà forza sufficiente per non soccombere perdendo la sua identità?
Io non posso che dire queste parole, che spero diventino una realtà molto presto: Handala vive in una Palestina libera.

Bambini di guerra, bambini di pace

In Anomalie, Gaza, Guerra, Informazione, Malattie mentali on 7 ottobre 2011 at 9:34

Disegno di bambino palestinese che raffigura un carro armatoSe c’è una precisazione che mi sento in obbligo di fare è sulla mia personale posizione in alcune vicende compreso il tema che riguarda le iniziative sulla Palestina. Faccio una preventiva premessa: in Facebook e altrove passo tutte le notizie di quell’universo variegato e complesso che è la sinistra italiana, quelle che condivido e anche quelle meno e su cui ho delle perplessità, senza nessun filtro né di opportunità né censorio. Credo di mantenere lo stesso atteggiamento nel caso Palestina. Considerato che nemmeno in Italia esiste alcuno che possa dire di rappresentare tutti gli italiani la cosa è anche più vera nella situazione di quella terra. Chi proponesse una iniziativa che riterrò utile troverà tutta la mia disponibilità e collaborazione. E d’altro canto se esistesse un’iniziativa capace di unire tutti i palestinesi credo che ogni persona saggia l’avrebbe fatta. Purtroppo non ho questa facoltà. Né quella di assumermi l’arroganza di elaborare una qualche secolare strategia.
Io guardo alla Palestina e ai Palestinesi nel completo rispetto del loro diritto all’autodeterminazione. Se da domani mattina la Resistenza davanti ad un paese militarizzato e invasore, ad una vera e propria pulizia etnica, dicevo che se da domani la Resistenza prenderà un’altra qualche forma o altre forme di reazione violenta alla violenza mi vedrà solidarizzare. Non potrò che comprendere come sia pressoché impossibile davanti alla forza opporre solo la sopportazione passiva. Il massimo a cui mi potrò spingere è chiedermi e chiedere se quella risposta aiuta la pace e il futuro della Palestina. Non mi è mai piaciuto mandare a farsi ammazzare gli altri. Però sta ai palestinesi la vera scelta. Da parte mia, nel mio “impegno” aggiungo che il contributo delle associazioni non può essere che in funzione alla loro utilità. Prima di tutto nel sensibilizzare nel proprio paese l’opinione pubblica, le persone ai problemi e alla storia di quella terra martoriata. Poi tutti quelli interventi possibili che possono essere richiesti. Fare da scudi umani costringe ad un necessario attivismo pacifista. E’ chiaro come il contributo di un attivista volontario sia diverso dalla resistenza di un palestinese in loco, anche per la questione delle mie personali possibilità. E non si può disconoscere l’utilità di quegli interventi coraggiosi fatti da tanti giovani.
Premesso ciò noi come gruppo (Restiamo umani, con Vik), sollecitati da Hope Association for Palestine Emergency, abbiamo intenzione di mettere in essere la mostra itinerante “Bambini di guerra” assieme a tutti quelli che si renderanno disponibili ad intraprendere questa avventura con noi. In realtà dovremmo intitolarla “Bambini senza pace” o “Bambini in cerca di pace”. Noi vorremmo infatti parlare di pace. La mostra sarà patrocinata dalla “Delegazione diplomatica palestinese”. Questo ha già mosso delle critiche e dei distinguo, una polemica. Ribadisco che noi la mostra la facciamo per quei bambini e che qualsiasi rappresentate di qualsiasi posizione espressa in Palestina o da palestinesi esuli vedrà domani lo stesso impegno. Ché credo che il non fare sia la cosa meno utile e più sbagliata. Mi sembra assurdo pensare che un’iniziativa come questa possa favorire una parte politica a scapito di un’altra. Nessuno si sente così importante e… fondamentale. Come la politica di Israele viene da lontano anche questa sete di pace e di giustizia, perché non può esistere una pace senza giustizia, viene da altrettanto lontano. E’ uno scontro tra quella barbarie e la civiltà. Tra l’arroganza e il diritto. Tra un invasore e un popolo e la sua terra. Tutto ciò premesso dovremmo parlare della mostra itinerante in sé. Della forma che sta prendendo la nostra inaugurazione di Venezia. Credo di aver usato per oggi fin troppe parole. Ci tornerò più tardi cioè più avanti. Vi lascio con un pensiero che don Nandino Capovilla di PaxChristi ci ha lasciato: “Grazie a tutte/i del nuovo gruppo! Ci sentiamo in piena sintonia con voi e da anni sosteniamo la causa palestinese con sensibilizzazione (film+libri+la newsletter e sito Bocchescucite, ecc.) e soprattutto continue esperienze di peacebuilding nei Territori Occupati (fra pochi giorni saremo ancora a raccogliere le olive a Ramallah, col team di Tutti a raccolta). Soprattutto GRAZIE per quello che farete per DIFFONDERE l’eredità preziosa del nostro Vittorio, con cui per anni abbiamo lavorato”. RESTIAMO UMANI.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: