rossaurashani

Posts Tagged ‘adolescenza’

Ho 12 anni e sono nessuno

In amore, Giovani, personale on 26 marzo 2013 at 9:35

pensieri

A 12 anni si pensa che il mondo ti gira intorno. Qualche sospetto ce l’hai che qualcosa non quadra. Troppo spreco per tutte quelle comparse che girano nella tua vita; chi potrebbe pagarle poi? E ancora che spessore ha la realtà? E’ come uno sfondo di Cinecittà, oppure va un poco più in là, almeno quel tanto che basta a non farti finire dietro le quinte e scoprire l’imbroglio?
Ma che cavolo andavo pensando. Nessuno si sarebbe sprecato a fare per me la benchè minima recita, neanche a farsi passare per babbo natale che tanto a 12 anni nessuno più crede a babbo natale.
Se era per quello non si crede nemmeno più che i bambini nascono sotto i cavoli oppure che li porta la cicogna. Basta poco per capire: mamma con la pancia, nasce un bambino, mamma senza pancia e che ci vuole? Non serve tanta fantasia… ma come entrava nella pancia? E come faceva ad uscire? Beh, quello era un altro problema, potevo affrontare solo un problema alla volta.
E poi l’amore… quale amore? Quello che provo per la mia mamma o quello per i miei fratellini più piccoli? Che poi a pensarci bene è quasi la stessa cosa. Mai che mi venga in mente, quando parlo d’amore, mio padre oppure mio fratello maggiore, nell’amore non c’entrano affatto.
Penso che l’amore salverà il mondo, che è da lì che partono tutti i pensieri più belli, le cose migliori. D’altra parte l’amore contempla anche i sacrifici , si può ben fare quasiasi cosa perchè il mondo sia in armonia. L’amore fermerà la guerra e le discordie, darà la felicità ad ogni essere umano, farà nascere i bambini accolti con tenerezza, farà muovere assieme gli essere umani. Tutti o quasi, centamente mio fratello grande non ispira grande amore, e poi nemmeno io me la sento di sacrificarmi per lui, lui non lo meritava: è bugiardo, codardo e approfittatore.
Qualche volta penso di essere gelosa oppure di essere colpevole d’invidia, non è che non mi accorgo che c’è chi è più fortunato di me, ovvio, solo che vorrei essere io fortunata quanto loro, ma non trasformarmi in loro, non so se mi spiego.
Ma l’amore, sono certa avrebbe vinto il buio della notte.
A 12 anni il buio fa ancora tanta paura. Non sai mai quello che contiene, non ne conosci lo spessore, non sai mai con certezza se tornerà la luce. Se io fossi nata cieca? Vivrei nel buio, ma non saprei cos’è la luce. E se fossi diventata cieca poi? Sarebbe forse peggio? Io, visto che preferisco sempre conoscere anche le cose spiacevoli, preferisco sapere cos’è la luce anche se poi la perdo. Almeno potrei passare il tempo a ricordare quant’era bella.
E’ come con l’amore è lo stesso, è meglio sapere cos’è pur rischiando di doverne far senza, piuttosto di rinunciare ad amare e basta.
E’ come con l’infanzia, che so che ormai è passata, ma non c’è proprio niente che me la faccia rimpiangere. Il motivo che credo di a ver capito è che non si può fermare il tempo; quando ero piccola mi trattavano da piccola e non lo sopportavo, adesso che sono grande mi trattano come una cosa fastidiosa e inutile, ma almeno io so quello che sono o almeno credo di saperlo. Sono una valigia di domande senza risposta. Una raccolta di cartoline senza indirizzo e senza firma, un senso tutto questo lo avrà pure?
Un’altra questione complicata è il mio corpo. Sono lunga: lunghe le braccia, le gambe, il busto e il collo. Non so mai come mettermi, dove mettermi, sorridere o stare seria. Ho la testa arrampicata sul corpo e il naso grosso, la pelle diafana…e non sono sicura di essere destinata all’amore, ma non è solo una questione di forme, almeno così spero.
Vorrei essere bella, ricca, fortunata e amata da tutti … bella fatica e chi non lo vorrebbe. Vorrei avere tutto quello che non ho e sarei felice. Felice? Ecco alla felicità ci devo ancora pensare, non ne ho un’idea troppo chiara e forse forse è un sentimento destinato solo ai grandi.
Poi tutto sommato mi basterebbe andare meglio a scuola e forse sarei felice pure io. D’altra parte basta poco per una che ha solo 12 anni.

124) Una donna

In Un libro al giorno on 8 ottobre 2010 at 8:00

La mia fanciullezza fu libera e gagliarda. Risuscitarla nel ricordo, farla riscintillare dinanzi alla mia coscienza, è un vano sforzo. Rivedo la bambina ch’io ero a sei, a dieci anni, ma come se l’avessi sognata. Un sogno bello, che il menomo richiamo della realtà presente può far dileguare. Una musica, fors’anche: un’armonia delicata e vibrante, e una luce che l’avvolge, e la gioia ancora grande nel ricordo.

Soluzione
Titolo: UNA DONNA
Autrice: SIBILLA ALERAMO

Tama : Nelle prime pagine emerge la figura paterna e l’autrice rievoca il suo rapporto con il padre che ha per lei una grande preferenza e che le trasmette gli ideali di forza e indipendenza nei quali egli crede.
Il contatto con la madre appare invece più sbiadito perché con lei la fanciulla non riesce ad entrare pienamente in contatto e ne giudica il carattere debole e sottomesso.
Quando Sibilla ha circa otto anni, il padre, che è ingegnere, decide di lasciare Milano per andare a dirigere una fabbrica di bottiglie nelle Marche, sulla costa adriatica, a Portocivitanova – ora Civitanova Marche – e così tutta la famiglia si trasferisce.
Sibilla è felice e con tutto l’entusiasmo e la curiosità dei suoi dodici anni collabora in modo attivo alla fabbrica come segretaria suscitando nella gente del paese meraviglia e critiche per il suo atteggiamento anticonvenzionale e sprezzante tra gli operai.
Tra il padre e la madre della protagonista intanto si accumulano le tensioni già esistenti nel periodo milanese che sfociano in un tentato suicidio della madre, la quale sopravvive, ma rimane vittima di una demenza progressiva che la porterà ad essere ricoverata nel manicomio di Macerata, dove vivrà fino alla morte, abbandonata da tutta la sua famiglia.
La ragazza scopre poi che il padre ha una relazione extraconiugale e da quel momento prende verso di lui una posizione aperta e giudicante che causerà la rottura del rapporto affettivo con lui.
Questa brusca realtà e l’inizio di una storia amorosa con un giovane impiegato della fabbrica e la violenza sessuale della quale è vittima, fanno entrare con durezza la protagonista nel mondo adulto.
Costretta al matrimonio, che accetta senza gioia, vive l’esperienza come un’ulteriore perdita di libertà anche perché il marito si dimostra ben presto una persona meschina e molto lontana dai suoi interessi.
Nascerà un bambino che non servirà a modificare la situazione tra i coniugi.
Per aver risposto alle attenzioni di un uomo, il marito la maltratta brutalmente e la chiude in casa per un certo periodo durante il quale lei si rende conto che il suo vero ed unico affetto è il bambino, ma la depressione aumenta e, in un momento di sconforto, tenta il suicidio.
A causa di un dissapore con il suocero, il marito decide di lasciare la fabbrica e di trasferirsi a Roma con la moglie e il figlioletto.
L’avvio di una collaborazione giornalistica con una rivista femminile rende maggiormente cosciente la protagonista che una donna deve poter esprimere anche al di fuori della famiglia la sua identità e conquistarsi una vita indipendente.
Il pensiero della madre, che ha sacrificato ai figli e ad un uomo-padrone la sua esistenza infelice, l’aiuta a ripercorrere un cammino difficile ma necessario di rigenerazione.
Conosce un uomo che ha intrapreso un cammino di ricerca spirituale e trova conforto nella conversazione con lui, ma il marito, sospettoso di quella relazione, la maltratta nuovamente e l’unico motivo che la trattiene dal lasciare il tetto coniugale è il timore di non riuscire a portare con sé il bambino.
Ma quando scopre che il marito è affetto da una malattia venerea, contratta evidentemente da altre donne, e oppressa dalle sue continue scenate di gelosia, prende la decisione di andarsene per non ripetere una via di secolare soggezione e per dignità verso sé stessa. Dopo un doloroso percorso interiore, decide quindi di abbandonare la casa e il bambino al quale è dedicato il libro nella speranza che possa comprendere la tormentata strada che l’autrice-protagonista ha sentito di dover percorrere.
Il romanzo rappresenta molto fedelmente la vita dell’autrice, che si firma per la prima volta con il nome di Sibilla Aleramo, ma pur essendo una autobiografia è strutturato con un impianto letterario tale da poter essere considerato, come dice Maria Corti, un vero romanzo. (da wikipedia)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: