Mario

Archive for febbraio 2013|Monthly archive page

Se io sto con le donne

In amore, Anomalie, Donne, Informazione on 10 febbraio 2013 at 14:28

Non è facile ai giorni nostri prendere una posizione su una qualsiasi cosa.
Prendere parte non ha per tutti il significato di partecipare, significa invece avere una predilezione, una debolezza, un’idea che diventa preconcetta di fronte ad altro. Fatto sta che su qualsiasi cosa, si prenda parte, esiste sempre e comunque qualcuno che tiene l’altro versante e c’è anche chi ti spiega quanto sarebbe meglio essere equidistanti, tener conto di tutte le variabili.
Insomma il “politically correct” stare nel mezzo, in quello stato sospeso che spiana tutte le diversità e anche le peculiarità di una situazione, ma che soprattutto non consente le accuse e nemmeno le ribellioni.
La valutazione da equidistante è un generalizzare, un massimizzare quello che generale non è; vero è che quella situazione è indecente e inaccettabile, però, d’altra parte, ci sono situazione che richiedono estreme conseguenze. Tipo che: è vero che hanno violentato quella ragazza e la cosa è orribile, però alla fine non si gira per strada alla sera con una minigonna così spudorata, insomma un po’ se l’è voluta.
Ecco a me queste cose me le fanno girare, e non sapete quanto. Questo atteggiamento di equidistanza, di non scendere nel merito delle cose, di non sporcarsi le mani nella cacca altrui (ma anche propria) mi dà il voltastomaco.
Generalizziamo e filosofeggiamo fino a che la cosa non ci tocca direttamente, tanto per dire la ragazza diciasettenne è turpemente violata e brutalmente sedotta da un vecchio maiale, se si tratta di tua figlia, ma è una troietta seduttrice di un povero vecchio, se è la figlia di un altro.
Questa mentalità fa chiudere gli occhi su molte violazioni dei diritti umani e per umani intendo dire dei diritti di tutti i “generi” umani (maschile e femminile), ma sinceramente molto spesso da questa superfetazione dei giudizi ci si dimentica che il genere femminile è di gran lunga il più abusato, e che se lo sia voluto lo vedo arduo da credere e da asserire.
Pensare ad una donna picchiata all’interno delle mura domestiche, non è un fatto personale su cui astenere il giudizio. è un fatto sociale su cui intervenire decisamente. Certo molto spesso anni di diseducazione sociale della donna ha fatto sì che non denunci quasi mai il suo partner violento, quello che la rovina fisicamente e che le rovinerà la vita per sempre. Fa sì che per vergogna le violentate non denuncino i violentatori, che le bambine non si ribellino a padri o parenti mostruosi, che non prendano a schiaffoni il superiore di turno che si arroga il diritto di importunarle o che non si ribellino alla chiara volontà sociale di mantenerle nei “ranghi” e ruoli prefissati e nello scaffale a portata di mano per la loro situazione di oggetto acquistabile o adoperabile.
Se io sto con le donne, non è perchè sono una donna e  conosco tutte le sfumature a colori e grigio nero della loro vita, ma è che il mio impegno civile non può che portarmi a questo.
Ai benpensanti, ai parolai, ai pigri, ai sornioni, alle persone che pensano di essere obiettive, che amano non prendere posizione, che si ritraggono dal male e dal dolore degli altri, da quelli che dicono “sono tutti uguali” e che sparano a zero sulle libertà e i diritti delle donne, a tutti/e quelle che fanno della loro posizione o avvenenza un modo di sopraffare gli altri, a quelli che “se un uomo picchia una donna, una ragione c’è…”, ai preti ignoranti, alle suore beghine, ai genitori violenti, alle madri condiscendenti, alle persone che hanno paura, a quelle che non hanno senso civico, a tutto quel mondo che si agita solo per i propri bisogni, e la lista è lunga, lunga e lunga, dedico un video da guardare a occhi aperti e in silenzio religioso.
Io sto con le donne, punto e basta, non serve un perché e non serve un come. E’ l’ora di alzare la testa, di mettersi in moto e di alzare un dito per dire basta alla violenza e per chiedere di vivere la nostra femminilità fino in fondo.
ONE BILLION RISING e tremate… le donne sono tornate 🙂

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: