rossaurashani

Fuori da tutte le scuole del regno.

In Amici, amore, Giovani, La leggerezza della gioventù, musica, personale on 1 giugno 2012 at 14:43

Quando sono entrata in quella classe mi sentivo emozionata. Neanche fosse il mio primo giorno di scuola. Però in effetti lo era, il mio primo giorno di scuola superiore. Questo non dà proprio l’idea di quello che significava per me. Innanzi tutto non era una scuola mormale,  mi ero iscritta per arrivare a prendere un diploma magistrale, dopo molti anni dalla fine della scuola media inferiore e nel frattempo che avevo intrapreso la mia vita lavorativa ed indipendente. 21 anni e finalmente libera di decidere il mio futuro, maggiorenne e liberata da un amore troppo oppressivo.
La scuola era una scuola  di ritardatari e forse un po di ritardati. Lì si iscrivevano quei privatisti che per qualche ragione stavano in ritardo con il percorso studi e che si mettevano a fare il recupero forzato degli anni, un po’ come al supermercato prendi quattro paghi due. Per forza ero emozionata, mi mancava la fiducia di sapercela fare che poi mi sarebbe pian piano venuta, e poi credevo di essere vecchia per frequentare quel corso da privatista, pensavo di essere ridicola in mezzo a delle persone normali.
Ma quella classe tutto era fuorchè normale. La prima che vidi fu Marina, più vecchia di me, due occhi azzurri di straordinaria bellezza, una faccia strana, irregolare, non bella, ma in lei c’era qualcosa di più. “Siediti qui con me…” mi disse sorridendo e fu così che cominciò il nostro sodalizio. Davanti a noi La Scienziata e Campanella, i soprannomi ci erano scappati subito, una voleva studiare “scienze poetiche” e l’altra era proprio suonata come una campanella di fine lezione.
A destra il Cerbero e Patata Calda, uno guardia di carcere minorile e l’altro semplicemente un postino con i piedi piatti e con velleità da Amasciatore.
A sinistra Loretta e Taffon, a loro i nomi sono rimasti fino alla fine, ma sempre esclusivamente quelli e poi Carletto con Davidino che venivano a scuola, quello sì, ma quanto ad imparare era un’altra questione.
Dulcis in fundo, perchè ultimi della fila, i fratelli Sabiucciu, Gigi e Sandro, di loro si sapeva che li avevano cacciati da tutte le scuole del regno, ripetendo le bocciature come le scope con l’asso.
In fin dei conti però eravamo tutti, nessuno escluso, elementi da fuori tempo massimo. Tutti con una storia complicata che non volevamo raccontare, almeno non subito e tutti con la voglia, questa volta, di esserci e di portarci, a casa, tutto quello che volevamo davvero raggiungere.
Non ci volle molto che io: Bestia (per una banale modifica del cognome) Marina e Sandro diventassimo inseparabili. Gigi si teneva in disparte, certamente più silenzioso, ma sempre pronto a fare il pusher di musica, da lui ottenni dischi memorabili che qualcuno si è offerto di comperarmi a prezzi considerevoli. Avete presente il Sergent Pepper’s Lonely Hart Club Band originale, edizione speciale??? Ecco è mio, e adesso non chiedetemi di cederlo perchè non lo farò mai. A quel disco ho dedicato il nick di questo blog: luciindescai (with diamonds) perchè a tutto c’è una ragione e ogni cosa ha un senso (almeno per me).

Annunci
  1. Essere degli “elementi da fuori tempo massimo” è un punto d’onore, altro che storie.
    Le persone migliori che io ho incontrato nella vita sono tutte “fuori tempo massimo” per un motivo o per l’altro.
    E non le cambierei con niente. 😉

    • Ho qualche speranza allora? 🙂
      Anch’io quelle persone non le cambierei per tutto l’oro del mondo… anche se proprio le due a cui tenevo di più se ne sono andate una 27 anni fa e una qualche giorno fa… e forse non voglio perdere i nostri ricordi… 🙂 non serviranno a nessuno lo so, ma io ne ho bisogno… che dici continuo?

  2. Continua, si.
    Per te e per loro.
    Anche se ho il fondato sospetto che sarà chi ne legge a trarne il maggior beneficio.
    In fondo, tutti noi abbiamo, a vario titolo, qualcosa da ripescare nella memoria.
    Non si sa mai cosa può saltar fuori nel togliere il tappo del tempo. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: