rossaurashani

Archive for settembre 2011|Monthly archive page

Dalla parte di Vittorio

In Amici, amore, Le Giornate della Memoria, Nuove e vecchie Resistenze, personale, Pietas on 29 settembre 2011 at 20:36


Cara Silvana De Mari,

leggiamo e rileggiamo quanto ha scritto nella sua “Lettera della Domenica” pubblicata da Informazione Corretta il 25 Settembre (che potete leggere qui).
Rileggiamo (più volte, lo confessiamo) per essere certi che quanto scorre sotto i nostri occhi sia realtà e non un brutto scherzo delle nostre menti. Rileggiamo, nonostante il “taglio editoriale” di Informazione Corretta ci sia ben noto e non dovremmo, quindi, affatto stupirci.
Cara Silvana,
come Vittorio, anche noi crediamo fermamente che la libertà di espressione sia una delle grandi conquiste di questo tempo, almeno per qualche fortunato angolo del pianeta, e che ognuno di noi abbia quindi il sacrosanto diritto di esprimere le sue opinioni. Voltaire, come certamente ben saprà, saggiamente diceva: “Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere”. E noi con lui.
Ma, cara Silvana, di fronte a gravissime affermazioni così palesemente false, totalmente soggettive, ma esposte alla stregua di verità assoluta, non basate su alcuna prova o dimostrazione, espresse pubblicamente con il preciso intento di diffamare una persona che non ha più la possibilità di replicare e di spiegarle, punto per punto, tutte le ragioni per le quali, scrivendo quanto ha scritto, non solo rischia di coprirsi di ridicolo, ma anche di compiere un gesto di assoluta volgarità, cara Silvana, di fronte a tutto ciò ci sentiamo in dovere di prendere eccezionalmente il testimone che  Vittorio ci sta porgendo e risponderle.
Ci sentiamo in dovere di dare voce a chi voce non ha più.
Come lui avrebbe fatto.
Come lui faceva ogni giorno.
Silvana,
su una cosa siamo d’accordo: Vittorio è certamente morto con onore, ma altrettanto certamente non per le ragioni a cui lei allude. Vittorio è morto con onore, perché Vittorio ha vissuto con onore ogni singolo istante della sua vita.
Ha conosciuto Vittorio, Silvana?
Ha conosciuto il suo maniacale amore per la verità, la stessa che lei cita nella sempre bella frase di Orwell?
Può trovare le idee di Vittorio discutibili, è assolutamente lecito e comprensibile, ma non può assolutamente permettersi di affermare che abbia commesso in vita azioni riprovevoli e ripugnanti. Non può affermarlo, cara Silvana, perché sa bene di non poterne citare nemmeno una. Non può affermarlo, perché la calunnia e la diffamazione sono intollerabili, specialmente se rivolte a un uomo che non c’è più, ucciso a 36 anni poco più di cinque mesi fa.
Non può affermare che Vittorio vivesse nell’odio.
Vittorio era un uomo pacifico, un giovane uomo che aveva scelto di dedicare la sua vita a quel milione e mezzo di palestinesi segregati nella Striscia di Gaza, innocenti, che non chiedono altro se non di vivere una vita libera, nel rispetto dei propri diritti di esseri umani.
Era un uomo che non aveva bandiere di fronte a cui inginocchiarsi, né quella di Hamas, né quella di Fatah, né quella di Israele; e nemmeno quella italiana. Era un uomo libero, che sapeva riconoscere l’ingiustizia e l’orrore, ovunque si manifestassero. E dovunque le individuasse, ce le raccontava, costasse quel che costasse.
Vittorio soffriva profondamente per qualunque morte, non poteva sopportare la sofferenza altrui, che si trattasse di quella di un bimbo israeliano o di un anziano palestinese.
Non si arroghi il diritto di trasformare la sua opinione in verità, Silvana.
Vittorio non si è mai schierato con il terrorismo. Ha condannato ogni sopruso, ogni violenza, chiunque ne fosse responsabile. E l’ha sempre fatto pubblicamente, scrivendone, parlandone, senza filtri, senza reticenze, ma sempre con una precisione e un’attenzione infinita al rispetto della verità dei fatti che raccontava, attenzione che, purtroppo, non riscontriamo in buona parte del giornalismo italiano.
Vittorio non si è mai schierato con il terrorismo.
Fare da scudo umano per difendere i contadini che, tentando di lavorare i loro campi, vengono quotidianamente cecchinati dai soldati israeliani, equivale a schierarsi con il terrorismo?
Fare da scudo umano per proteggere i pescatori che, tentando di procurarsi in mare quanto necessario per sopravvivere, vengono puntualmente attaccati da navi da guerra israeliane, equivale a schierarsi con il terrorismo?
Vittorio stava dalla parte dei deboli. Dovunque  fossero.
Silvana, non confonda i tasselli di un mosaico già abbastanza complicato di per sè. E soprattutto non lo faccia cercando di strumentalizzare a beneficio della sua propaganda la memoria di un uomo certamente imperfetto, come tutti noi, ma straordinario per il suo equilibrio di giudizio e la sua coerenza.
Non si spinga, poi, oltre a quella delicata linea che separa la decenza e il pudore dalla terra di nessuno in cui tutto è permesso, facendo addirittura allusioni al corpo e all’autopsia di Vittorio. Fingeremo di non aver nemmeno letto. Non si avventuri su un terreno di cui non conosce nemmeno un millimetro e ricordi che in certi casi tacere è sempre la scelta migliore.
Vittorio ci ha insegnato che le parole contano, che le parole hanno un peso, che le parole sono sacre, che le parole possono essere un’arma che, come tale, va usata con intelligenza e onestà. Lo ricordi, Silvana, prima di fare nuovamente affermazioni la cui veridicità non potrebbe mai sostenere seriamente.
Vittorio ha sempre detto la verità e, forse, è morto per questo.
Ma nessuno deve e può permettersi di usare la sua vita, la sua memoria, la sua morte come strumento che aiuti a dare risalto alle proprie opinioni. Perciò, Silvana, le esprima, liberamente, ma lasci in pace Vittorio.
Che la pace, ora, speriamo davvero sia riuscito a trovarla.

I familiari e gli amici di Vittorio.
ed io sottoscrivo questa lettera, parola per parola, e mando un abbraccio immenso alla sua famiglia e alla cara Marele
.

Lettera pubblicata su Facebook

Annunci

Segni indelebili di un conflitto

In Cultura, Gaza, Guerra, Informazione, Le Giornate della Memoria, Nuove e vecchie Resistenze, Pietas on 27 settembre 2011 at 23:57

Sono rimasta piuttosto basita dalla notizia che il Museum of Children’s Art (MOCHA) di Oakland ha cancellato la mostra dei disegni dei bambini palestinesi di Gaza, sotto la spinta di enormi pressioni di gruppi pro-israeliane. Il Consiglio di Amministrazione del Museo, che ha votato per la cancellazione della mostra d’arte una settimana fa, a causa delle enormi pressioni da parte di gruppi pro-israeliani, malgrado abbia ricevuto una lettera del Middle East Children’s Alliance (MECA), sottoscritta da migliaia di sostenitori in tutto il Paese, in cui si chiedeva di rivedere la decisione, ha alla fine deciso ugualmente di censurarla.
Strana cosa davvero se si pensa che dalla parte di chi ha fatto pressioni per la censura, vengono organizzate gite scolastiche in varie parti del Paese per vedere Musei sull’Olocausto e sugli orrori nazisti. Diciamo che almeno per i bambini, non ci dovrebbero essere due pesi e due misure, soprattutto in un Paese dove la Libertà e la Democrazia si esporta come un prodotto di largo consumo.
Proprio la banale notizia che qui riporto, mi capita nel momento in cui mi è stato chiesto di organizzare nella mia città, una mostra di disegni di bambini palestinesi affetti da PTSD (Post Traumatic Stress Disorder). Sindrome terribile che affligge bambini sottoposti allo stress di bombardamenti, sparatorie, escursioni di carrarmati e bulldozer, rapimenti, privazioni varie, detenzione e torture fisiche e psichiche. Insomma tutto quello che un conflitto senza precedenti può provocare su un bambino che originariamente sarebbe sano.
Io credo che in Italia questa mostra si terrà e sarà sicuramente una grande esperienza umana. I bambini, si sa, per loro natura, sono  sensibili ed è facile ferirli nel profondo, lasciando dei segni indelebili che non riusciranno mai a dimenticare. I disegni sono lo specchio di questa realtà e non comprendo come ci siano persone indifferenti e pronte a far tacere questo denuncia che va al di là degli interessi territoriali e politici di un paese.
I bambini nei loro disegni trasferiscono tutto il loro sofferto, scene di guerra e di sangue, di aerei e bombe, di carroarmati e soldati, descrivono il dolore e la morte come se fossero una cosa di tutti i giorni, ma nella loro crescita la paura e l’ansia, la depressione, l’incapacità di interagire con gli altri e anche i semplici mal di testa li rendono dei bambini spezzati.
Non è consolatorio pensare che questa sindrome non si presenti solo nei bambini arabi che comunque ne sono affetti per l’80% dei casi, ma che pure i bambini israeliani ne soffrono almeno per il 20%. Che tristi primati! Esistono molti trattati e convenzioni, che spesso si sovrappongono, nonché protocolli e risoluzioni, che regolano il trattamento dei bambini in situazioni di conflitti del tipo instauratosi nel Medio Oriente, eppure sono del tutto disattesi. Rimanderei alla lettura di un documento, che ho avuto da una ONG che si occupa di disagio infantile, che parla in modo chiaro e puntuale di negazione dei diritti basilari dei bambini palestinesi nei Territori Occupati sottomessi all’arbitrario dominio di Israele. “Relazione sulle principali violazioni dei diritti dei minori palestinesi detenuti commesse da Israele.” dell’Avv. Dario RossiAssociazione Giuristi Democratici. Da questo trattato ho imparato che i bambini, in molti casi, ma in questo, in particolar modo, sono considerati meno di niente e vengono usati al solo scopo di intimidire e vessare una popolazione che ha l’unica colpa di abitare un territorio che è nelle mire di un paese colonialista e xenofobo. Ma questo in genere non si può dire perché c’è subito qualcuno che ti accusa di antisemitismo, dimenticandosi che le cose che dico io vengono denunciate da una moltitudine di ebrei e israeliani contrari all’occupazione e alle poltiche apertamente sionistiche dello Stato d’Israele.
Io non comprendo, e su questo sono in buona compagnia, come uno Stato che ha raccolto molto persone che sono sfuggite dall’Olocausto si comporti nello stesso modi di chi, questo Olocausto, l’ha prodotto. Non esiste religione o propaganda che tenga. Non esiste voglia di lasciare il passato dietro di sé, se quel passato nulla ti ha insegnato. Il tuo presunto diritto non può essere la mia eliminazione fisica e morale. La tua idea di sicurezza non può negare i miei diritti. La determinazione di un popolo non può vietare l’autodeterminazione di un altro. Ed è proprio su questo terreno che ci si dovrebbe confrontare. Le sofferenze dei bambini sono la manifestazione evidente delle nostre colpe. Chi non riesce a comprendere quanto male si può fare ai propri figli, e ai figli degli altri, non è degno di averne e nemmeno è degno di essere annoverato tra gli esseri umani. D’altra parte perfino gli animali a volte hanno comportamenti più umani dell’animale uomo. Non credo che senza un minimo di etica e di coscienza civile riusciremo mai a trovare la strada e il tempo sufficiente per cancellare i segni lasciati nei bambini da questi stupidi e disumani conflitti.

La casa degli armadi

In amore, personale on 26 settembre 2011 at 10:23

Era sera ed ero in una casa nuova, grande, piena di porte, di finestre e di porte finestre che davano su belle terrazze. Era una bella casa sì, ma io non ci stavo a mio agio, mi sentivo un po’ prigioniera, anche perchè non riuscivo a chiudere tutte le porte degli armadi e quelle delle terrazze e anche gli armadi che stavano nelle terrazze. Io odio stare in una stanza con le ante dell’armadio aperte. Io sono armadiofobica. In una stanza con l’armadio aperto non ci dormo. E stavo lì a chiudere le ante ed ero incavolata perchè chi le aveva aperte se ne fregava delle mie manie e sapevo che lo faceva solo per darmi fastidio e per tenermi occupata. Ma quanti armadi aveva quella casa! Io non ci potevo stare in una casa così. E lì c’era Giorgio. Che strano dopo quattordici anni c’era lui ad aprire gli armadi della mia vita.
E io avrei dovuto essere contenta. In fin dei conti era tornato, ma a pensarci bene io avevo un’altra vita e ormai non volevo più che tornasse. Ma che ci favevo nella casa degli armadi? Certo, avrei dovuto essere lì, perchè io con Giorgio ero sposata, ma la mia vita io la vivevo con Michele e per Giorgio non c’era più posto. Ma avrei dovuto dirglielo a Giorgio e non sarebbe stato facile, avrei anche dovuto avvisare Michele che sarei tornata a casa tardi, ma avevo tutti gli armadi da chiudere e Giorgio teneva sotto controllo il mio telefonino. Strano che Michele non chiamasse, sembrava sapere che…, ma cosa sembrava sapere? Io non volevo stare con Giorgio volevo stare con Michele, ma ero spaventata. Giorgio non aveva mai accettato di dividermi con qualcuno e non mi avrebbe mai permesso di uscire da quella casa e soprattutto aveva in mano il mio telefonino…
Ah che ansia, Michele dove sei?
Mi sveglio con il cuore in gola, come una bambina spaventata. Michele è qui e gli armadi sono tutti chiusi. Allungo la mano e trovo la sua. “Che c’è?” “Ho fatto un brutto sogno.” Mi stringe fra le braccia. “Dai adesso sono qui che proteggo il tuo sonno.” “Ma era un sogno…..” “Su dai, sta tranquilla, non può succederti niente.” “E se qualcuno ci separasse e rovinasse il nostro amore?” “Questa volta non ti perderò e lottero come un leone per tenerti.” Spegne la luce e mi si mette vicino. E’ straordinariamente bello il buio insieme a lui se gli armadi di casa sono tutti chiusi.

Accecate dall’invidia.

In Donne, Ironia, uomini on 20 settembre 2011 at 14:18

Da ieri, ma con valore retroattivo, mi è stato detto che noi donne italiane, di fronte alla “bellezza di successo”, ossia quella che porta alla presenza e al letto degli alti vertici dello Stato, abbiamo una reazione di bieca invidia. La cosa mi ha messo sul chivalà. Ma allora è bassa invidia guardare certi personaggi importanti come dei voraci predatori, dall’aria schifosamente viscida e inaffrontabile? Voglio dire è tutta invidia quella che provo per la “escort” di turno, che si intasca l’obolo per la sua bellezza? Insomma il mio rammarico è che non ho più il fisico e l’età per essere passata di mano, usata e stropicciata da quattro vecchi bavosi? Già, non lo sapevo, che il desiderio repesso della mia vita è sempre stato quello di entrare a Palazzo da bipede e finire la serata da materasso, che poi mica basta stendersi cara Terry De Nicolò, bisogna pure “attivarsi” in modo concreto e forsennato. Il successo a quel livello porta molto spesso ad una grande faticaccia, che ti viene riconosciuta certamente nella bustarella finale, ma la fatica resta e lo schifo pure. Non sarà mica anche questa colpa della nostra assurda invidia?
Francamente, con tutte le differenze del caso, mica perché non fossi caruccia, ma perché mi veniva offerto un lavoro di responsabilità, come coordinatrice nell’Ufficio Stampa e come PV (che starebbe per porta voce) nella segreteria di un noto politico locale, mi sono trovata nell’evenienza di rifiutare, ringraziando sentitamente. Un “lavoro” di quel genere non mi era congeniale, sai com’è: l’invidia…! Ma non volevo rischiare di trovarmi le sante mani di questo grande “personaggio di successo” in luoghi molto privati, magari in cambio di qualche bella cena in buona compagnia, che tra parentesi, da questo attacco avrei anche saputo difendermi. Quello che per me era inaccettabile, ma forse per te cara Terry è una bazzeccola, sarebbe stato mettere a servizio di una causa e di un uomo per cui non avevo la minima stima e considerazione, la mia modesta intelligenza e competenza. Ma si sa, la bellezza sfuma e bisogna farla fruttare. Hai ragione bella mia, noi donne comuni non facciamo che roderci tutte le notti per i vostri trionfi di belle “patonze”. Ma cosa vuoi abbiamo almeno una consolazione: all’arrivo della prima ruga ci risparmiamo la fatica e la spesa di un tempestivo suicidio senza appello. Sarà poco, ma è quello che mi consente di diventare serenamente vecchia e di non dovermi sputare su di un occhio ogni volta che mi guardo ad uno specchio.

Una vita senza rimpianti

In amore, Donne, Libri, personale on 16 settembre 2011 at 0:15

Esiste una vita senza rimpianti? Me lo chiedo così, senza metterci troppo pathos, perchè la risposta la so. Le domande a cui sai già come rispondere non ti sconvolgono mai, almeno a me succede così. Non è solo perchè sto leggendo questo libro nel quale la protagonista femminile, Orah, durante la sua fuga dalla realtà, in un lungo viaggio a piedi per la Galilea, legge le pagine del suo quaderno che sono state riempite dei rimpianti di altri.
Se avessi anch’io un quaderno blu, cosa ci troverei scritto dei rimpianti degli altri? e quali sarebbero i miei? Forse sono troppo testarda per ammettere che qualche rimpianto ce l’ho e che qualcosa cambierei nella mia vita, se questo mi fosse possibile.
Probabilmente tornerei alla mia infanzia e cercherei di vincere la freddezza di mio padre, anche se so di averlo già tentato e di non esserci riuscita nemmeno allora.
Forse non mi lascerei mettere in un angolo, ancora prima di tentare di fare quello che ho sempre sognato di fare. Probabilmente rimpiango la mia giovinezza, che non fu facile, ma che è stata l’unica giovinezza che ho avuto e che forse ho un po’ sprecato. Forse avrei amato senza nascondermi e senza quello stupido orgoglio che mi ha, comunque, tenuto in vita. Forse, avrei avuto quattro figli, uno diverso dall’altro, ma tutti stupendi (che poi si sa: ogni scarrafone è bello a mamma sua…) avrei studiato per poter fare la reporter nelle zone di guerra e avrei sofferto di quello che vedevo, ma vissuto come sognavo di fare. E più guardo dentro la mia vita è più vedo occasioni perse e rimpianti in agguato. Vedo sogni irrealizzati e tristezze impalpabili. E poi i grandi rimpianti sono solo piccole cose, la vita comunque è una grande avventura, e io di vite ne ho vissute molte, una sull’altra, spesso cambiando direzione o per amore o per forza.
Di questa vita mi sono rimaste poche, ma dolcissime cose. Almeno di questo non ho rimpianti. Se ho sbagliato ho pure pagato fino in fondo, eppure ho conservato tesori dentro di me che non sono stata capace di dimenticare mai. Cose che mi sono tornate indietro assieme alla possibilità di ricomporre i sogni. Non esiste una vita senza rimpianti, sarebbe insulsa e priva di mordente, sarebbe di una noia mortale e fredda come l’Alaska.
E io sono piena di passioni anche se mi sono nascosta bene per il timore di farmi saccheggiare troppo in fondo. Se poi ho un rimpianto grosso è quello di aver sofferto in silenzio, senza che nessuno capisse e se ne curasse. Ecco, ho il rimpianto di non aver tenuto vicino chi si sarebbe potuto prendere cura di me, perché se aspettavo la mia volontà di volermi bene, beh… allora sarei ancora qui ad aspettare.

Freedom… Now

In Antifascismo, Gaza, politica on 13 settembre 2011 at 12:00

Ritratto di Vittorio ArrigoniLibertà subito e libertà sempre. E’ di oggi (in questo caso di ieri) l’attesa notizia che la Freedom Flotilla è “Di nuovo in marcia. Con Vittorio nel cuore”. Io è la mia Compagna, naturalmente con i nostri meravigliosi amici, abbiamo avuto dei giorni febbrili ma densi di soddisfazioni. Abbiamo entrambi cercato di dare testimonianza di quanto stavamo facendo ma forse c’è bisogno, anche per me, di alcuni chiarimenti. Questo Weekend siamo intervenuti all’interno di MestREsiste.

Logo della manifestazione Mestresiste a Forte Marghera (Venezia-Mestre)MestREsiste: Musica, teatro e incontri di Resistenza

La “manifestazione”, al suo secondo anno, in quello spazio “libero enorme” che è Forte Marghera si propone di rilanciare l’idea resistente dell’ANPI attualizzandola e “svecchiandola” con quella parola d’ordine sempre cara e attuale che suona come: ORA E SEMPRE RESISTENZA. I promotori dell’evento sono stati la stessa ANPI (Associazione Nazionale Partigiani Italiani), l’Ass. Luoghi Comuni, l’Ass. ControVento e la Cooperativa Forte Carpenedo Onlus. Attraverso vari punti di incontro e di spettacolo si sono svolte tutta una serie di iniziative a tema sulla resistenza e i 150 anni dell’Italia. Non mi soffermo sul nutrito programma, che comprendeva spettacoli musicali e di recitazione di racconti (con Schegge di liberazione) e vari, perché si può vedere nella pagina Facebook dello stesso evento richiamata anche dal link sul logo. Contemporaneamente, e per tutta la durata dei due giorni, si sono creati dei punti informativi su varie realtà di grande interesse sociale e politico presenti nel territorio come Emergency, Libera (presidio Venezia e terraferma), etc. Noi abbiamo ritenuto opportuno presenziare e presentare in quel contesto, con un banchetto, un nostro nuovo progetto:

Logo dell'evento Restiamo umani, con VikRestiamo umani, con Vik

Abbiamo approntato un punto per la vendita di magliette, bandiere, libri, kefiah, gadget vari, etc. Naturalmente abbiamo provveduto ad issarvi la bandiera palestinese e a spiegare quelle della Flotilla. Senza voler creare un gruppo nuovo, che di gruppi ce ne sono fin troppi, è invece nostra intenzione provare a mettere in essere un presidio locale sulla pace partendo da Gaza e la Palestina come momento di sintesi quanto emblematico, tenendo in vita l’esempio di Vittorio Arrigoni (il pacifista italiano che ha dato la vita per fare da scudo umano a Gaza regalandoci pagine memorabili a testimonianza della grave situazione che vive quel popolo). Vorremmo collegare questo nostro lavoro ai gruppi “seri” che già lavorano sul campo a livello nazionale e internazionale per fare un opera di sostegno e servizio. Noi ci proponiamo di portare avanti una politica di “pacifismo attivo” che si basa su proposte che non sono mai contro ma a sostegno: “mai antisemiti, sempre per una Palestina libera”. Abbiamo anche nell’occasione pensato di presentare delle poesie palestinesi e sul tema della pace. In alcuni casi siamo riusciti ad affiancare poesie sulle stesso tema, una scritta da un poeta ebreo e l’altra da uno palestinese (come in questa nota di esempio) con l’intento di dimostrare come gli uomini, anche i poeti, siano fondamentalmente uguali anche nel pensare. Abbiamo potuto verificare che avvicinando le persone con cortesia e dicendo loro “posso regalarti una poesia?” si venga accolti con garbo e simpatia; nessuno rifiuta l’offerta di una poesia, la poesia è come un fiore. Poi, se si mostravano interessati, li invitavamo ad aderire al nostro appello per creare questo gruppo di lavoro. La fine ci ha visti stanchi ma come detto soddisfatti. Certo non pensavamo di cambiare il mondo. Ci accontentavamo di cambiare un po’ noi e di dare il nostro piccolissimo contributo. Già il fatto di esserci incontrati e aver potuto lavorare assieme era una gratificazione più che sufficiente. Dopo questo attimo di respiro arriverà il tempo delle riflessioni, della valutazione dei pro e dei contro, e degli eventuali altri progetti. Per ora ci godiamo questa breve pausa. In fine, per i più curiosi, qui potete trovare una modesta testimonianza fotografica della nostra presenza.

Una nota di servizio: Per chi volesse contattarci può farlo in Facebook o attraverso la nostra mail: restiamoumanivik@gmail.com. Non resta che ribadire ancora una volta e ripetutamente in modo infaticabile: RESTIAMO UMANI.

Documenti resistenti – I Refuseniks

In Nuove e vecchie Resistenze on 9 settembre 2011 at 9:58

Ho trovato in un sito una parte di storia di Israele che mi mancava totalmente: sempre della serie “gli israeliani contro l’occupazione”. In questo sito troviamo la storia dei Refuseniks che sono primariamente degli obiettori di coscienza, ma che si spingono fino ad essere degli oppositori alla politica espansionistica di Israele. Qui di seguito riporto la lettera inviata da un gruppo di studenti di una scuola media superiore israeliana nell’anno 2001, firmata da 62 ragazzi. Nel 2002 ne venne spedita un’altra con 300 firme. Ricordo che il servizio di leva obbligatorio per i maschi è di 3 anni e per le femmine di 2. L’esercito israeliano (IDF Israeli Defense Force) che viene chiamato anche IOF ossia Israeli Occupation Force, manda i ragazzi di leva a combattere nei “Territori” con le conseguenze del caso. Chi si rifiuta di prestare servizio sopporta la corte marziale e molto spesso viene severamente punito. Quasi sempre viene obbligato a passare in carcere più tempo del servizio militare stesso e viene richiamato annualmente per un mese in quanto inserito nella riserva. La cosa che mi ha davvero sconvolto è che ogni ragazzo o ragazza di leva non deve mai separarsi dal suo fucile, nemmeno in licenza… questa sì che è una vera educazione alla guerra 😦

La lettera degli studenti delle classi superiori (Shministim)

Al Primo Ministro Ariel Sharon,
Noi sottoscritti, giovani cresciuti ed allevati in Israele, siamo sul punto di essere chiamati per prestare servizio nello Tzahal. Protestiamo davanti a Lei contro la politica aggressiva e razzista condotta dal governo israeliano e dal suo esercito, e La informiamo che non intendiamo prendere parte alla realizzazione pratica di questa politica.
Ci opponiamo energicamente alla violazione dei diritti umani messa in atto dal governo israeliano. Espropriazioni di terre, arresti, esecuzioni sommarie, demolizioni di case, isolamento, tortura e rifiuto di prestare soccorsi sanitari, sono solo alcuni dei crimini che lo stato di Israele sta compiendo, in flagrante violazione delle convenzioni internazionali da esso stesso ratificate.
Queste azioni non sono solamente illegittime: non ottengono il loro scopo dichiarato, cioè, promuovere la sicurezza personale dei cittadini. Questa sicurezza sarà ottenuta solo attraverso un giusto accordo di pace tra il governo israeliano e il popolo palestinese.
Di conseguenza obbediremo alle nostre coscienze e rifiuteremo di prendere parte agli atti di oppressione contro il popolo palestinese, atti che dovrebbero essere chiamati per l’esattezza azioni terroristiche. Ci appelliamo alle persone della nostra età, ai ragazzi chiamati alla leva, ai soldati attualmente nell’esercito e ai riservisti affinché facciano lo stesso.

Per conoscenza
al Ministro della Difesa, Binyamin Ben-Eliezer
al Capo di stato maggiore dello Tzahal, Shaul Mofaz

19 Agosto 2001
(seguono 62 firme)

Quattro chiacchere sul lavoro

In Disoccupazione, Economia, Giovani on 6 settembre 2011 at 22:45

E’ sempre più difficile parlare del lavoro. Sarà perché di lavoro non ce n’è più, oppure sarà anche perché chi ce l’ha si sente quasi, immotivatamente, fortunato. E’ vero che l’Italia è una repubblica fondata sul lavoro, ma è anche vero che molti vorrebbero modificare la Costituzione, tanto per poter fare ancora di più quel cavolo che vogliono.
Oggi ero in manifestazione con la CGIL, ma forse sarebbe corretto dire con tutti i lavoratori: fissi o intermittenti. Insomma con la gente che un lavoro ce l’ha, ma che non sa se lo potrà tenere, fino alla sempre più lontana data della pensione, assieme a chi ha un lavoro saltuario e assolutamente sottopagato. Andando alla manifestazione… riflettevo su quello che mi è stato raccontato da una mia amica, andata per alcuni giorni nel meridione, per motivi di lavoro. Mi ha raccontato alcune cose che già sapevo, come per esempio che al sud, a differenza che da noi al nord, la gente vive meglio, veste meglio, fa una vita più mondana e spende senza troppe remore. Questo è bene, lo facciano almeno loro che possono farlo, ma sul perché loro lo possano fare e noi no, per me, è un mistero. Beh! si sa, non è tutto così il sud, c’è anche chi stenta e che vive sulla soglia della povertà, ma per quelli che ce la fanno incidono, probabilmente, anche la diversa mentalità e anche a quella economia un po’ anomala che troviamo in questa parte d’Italia. Molto più semplie esprimere menefreghismo delle regole supportato dall’indifferenza dei controlli sulle stesse.
La sola cosa che mi ha fatto trasecolare invece è una diffusa abitudine delle aziende ad assumere personale che tutto sommato, pur essendo già di per sè sottopagato, al momento della paga viene ulteriormente “tassato” di una buona parte dello stipendio in contanti. Insomma nella busta paga viene segnata una cifra, sulla quale vengono fatte le trattenute per quell’importo, ma alla fine lo stipendio consegnato è molto più basso di quello convenuto. Insomma, vuoi un lavoro? Ok, te lo do, ma non rompere le scatole, pena l’allontanamento, se non vieni pagato come dovresti… d’altra parte se a te non va bene, chissenefrega, ne troviamo una cofana di gente disponibile a questo trattamento.
Io sono ingenua e queste cose non riesco nemmeno ad immaginarle. Non so nemmeno come questi lavoratori riescano ad adattarsi, ma capisco che i tempi sono davvero brutti. La cosa che però non sopporto è il doppio sfruttamento del lavoro del dipendente, capisco un arricchimento fisiologico dell’impresa, ma non comprendo l’arricchimento del tutto criminale che permette all’imprenditore di non tener conto del diritti del lavoratore.
Ecco a parlare di lavoro mi sono incazzata, ma visto che oggi sono in sciopero avrò il tempo di farmi sbollire la rabbia, tanto domani approveranno la nuova Finanziaria a colpi di fiducia, e allora sì che tutto andrà a posto e a me verrà un travaso di bile. 😦

Quando il peso della Storia è insostenibile.

In Informazione, Le Giornate della Memoria, Nuove e vecchie Resistenze on 4 settembre 2011 at 12:40

Per non dimenticare Sabra e Chatila


La storia di Sabra e Chatila

Ancora oggi, nessuno ha mai pagato per questo crimine.
Il 31 dicembre 1983, il Presidente Sandro Pertini dopo essere stato sui luoghi del massacro, rilasciò questa dichiarazione:
“Io sono stato nel Libano. Ho visto i cimiteri di Sabra e Chatila. E’ una cosa che angoscia vedere questo cimitero dove sono sepolte le vittime di quell’orrendo massacro. Il responsabile dell’orrendo massacro è ancora al governo in Israele. E quasi va baldanzoso di questo massacro compiuto. E’ un responsabile cui dovrebbe essere dato il bando dalla società”

Uno stupore tutto italiano

In Amici, Blog, Giovani, Ironia on 2 settembre 2011 at 22:18

Leggo su Facebook un post a seguito di una notizia: siamo in Svezia, un italiano residente in quel paese molla uno sganassone al figlio per strada. Il figlio ha 12 anni. Il padre viene arrestato e messo in galera. Avrà un processo e sarà giudicato in base al suo crimine: violenza contro un minore.
Il post criticava questo eccesso della legge nordica. Insomma non è un così terribile gesto, in fin dei conti, in Italia uno schiaffo o uno sculaccione è educativo. Per uno schiaffo non è mai morto nessuno, anzi i figli si sentono amati di più. Insomma mani alzate = a tanto amore. Tra l’altro che ci giudicano a fare gli svedesi, pensino ai loro problemi, che ne hanno tanti. Per esempio loro hanno il più alto numero di suicidi, chissà se qualche sberla distribuita qui e là, magari, riuscirebbe a raddrizzare anche la depressione.
Ovviamente a questo post i commenti non sono mancati. Chi era contrario ai genitori dai metodi maneschi e chi invece auspicava al ritorno dei metodi forti, perché i ragazzi d’oggi si meritano questo e altro. La solita storia che: “ai miei tempi si era più educati e rispettosi”.
Io ho le mie idee, che ho messo in pratica e che mi hanno permesso di crescere un figlio che è giusto per le mie esigenze e spero anche di essere una madre giusta per le sue. Non ho mai usato i metodi “forti” se per forte si intende sculaccioni e scapellotti. In realtà ho usato la parola che, come si sa, a volte fa molto più male di un calcio in culo. Magari non è un metodo approvato dalla moderna psicologia, ma a me è andata bene e così mi regolo.
Comunque anche i bambini sono esseri umani e hanno diritto ad essere rispettati, compresi, ma non sempre assecondati. Questo per me è il sistema e nel metodo non viene compresa la punizione corporale, anzi la trovo assolutamente deleteria e antieducativa.
Contemporaneamente una cara amica scriveva sul suo profilo che per un po’ di giorni ha disperatamente a che fare con ragazzini dai 13 ai 14 anni rinchiusi in un campo-studi di lingua inglese. Credo che disperatamente sia la parola corretta. Credo che davvero non sia facile, ma penso anche che con un po’ di senso dello humor ed empatia quei ragazzini si possono trasformare in esseri maneggevoli e quasi simpatici. Certo la lingua inglese non aiuta, ma ci sta sempre l’insegnamento di una canzoncina da bettola piena di doppi sensi o una canzone dell’ultimo gruppo in voga. Insomma nulla si crea, tutto si copia e anche i ragazzini d’oggi hanno le stesse curiosità e gli stessi punti deboli dei coetanei di 40 anni fa. 😉 Coraggio Martina, se superi la prova, ti eleggeremo: insegnante dell’anno!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: