rossaurashani

Esserci ed esserci dentro….

In Amici, amore on 3 luglio 2011 at 14:21

Sono stata fuori, per la verità siamo stati fuori, per una breve vacanza, un anticipo delle vacanze che vorremmo fare, ma che sono solo, almeno per ora, la preparazione di una situazione di vero relax che forse verrà più in là nel tempo. Ma non è di questo che volevo parlare, almeno questo è solo l’inizio, per il resto invece ci sono un’infinità di stimolazioni nervose piacevoli o dolorose che mi tengono viva. Difficile è lasciasi trasportare dalla corrente e come sempre ho la necessità di nuotare contro perché non si può stare fuori dalla battaglia che ci imperversa dentro. Dentro a cosa? Ma è evidente, dentro a tutte le vite.
Per molta parte della mia, di vita, io sono stata relegata fuori. Colpa della poca fiducia nelle mie capacità e di compagni accentratori e poco inclini ad incoraggiare le mie “velleità”, o almeno quello che loro pensavano del mio desiderio costante di impegno. Oggi invece, ritrovato il mio compagno di un tempo, che ci aveva visti insieme e dove l’impegno, l’amore e il rispetto erano e continuano ad essere la nostra bandiera, il “dentro” non può che essere il nostro ambiente naturale.
Quello che non possiamo tralasciare nelle nostre vite e la commistione tra privato e pubblico, l’impegno che ci vede a stretto contatto tra di noi, e questo è indispensabile, ma anche con i nostri amici e l’attenzione verso le condizioni sociali e politiche con cui dobbiamo far conto e per le quali dobbiamo “resistere” ed esserci, profondamente convinti.
In questa assenza “forzata” abbiamo incontrato amici con la forte volontà di condividere e con il piacere di accogliere ed essere accolti e abbiamo rigenerato le forze per essere pronti a quello che ci aspetta ogni giorno, alla lotta eterna e insostituibile per la verità, la giustizia e l’uguaglianza.
In questi giorni abbiamo avuto e continuiamo ad avere il cuore sospeso nei lontani porti dove sono forzatamente bloccate le navi della Freedom Flotilla 2 – Stay Human dirette a Gaza per portare aiuti umanitari alla popolazione palestinese che vive la condizione disumana di essere prigioniera nel suo stesso territorio, senza alcuna possibilità di autodeterminazione.
Per questa causa, non si può non entrare in merito all’atteggiamento prepotente e arrogante del governo d’Israele che, pur se evidentemente criticato anche al suo interno e internazionalmente, ritiene opportuno portare alle estreme conseguenze la sua giusta volontà di esistere a scapito di un altro popolo.
Inserito nell’incastro di questi avvenimenti mondiali, c’è pure la preoccupazione continua per quell’amica in difficoltà, le preoccupazioni sono talmente serie e determinanti per la sua stessa vita che non ci consentono di entusiasmarci oltremodo per le sue piccole vittorie, ma che ci spingono ad attenderci nuovi trabocchetti insidiosi, che la potrebbe far ricadere nella depressione e nella sconfitta.
Da poco lontano poi, ci arriva la ferale notizia che un’altra amica ci ha lasciati. Dolore improvviso che si espande a macchia d’olio, per chiederci ancora che senso ha questa lotta continua di fronte alla morte? Eppure ti viene il dubbio, ma sai alla fine che è anche per lei che la lotta deve continuare ed è questa l’eredità che ci viene lasciata, il testimone che ci viene consegnato.
Poi, a darti un po’ di sollievo viene l’incontro di quell’amica che la fortuna ti ha fatto incontrare in un momento comune difficile e “riconoscere”, come se fosse stata l’amica anche in un’altra vita. Con lei le parole sono sempre leggere, ma impegnate, perché è la vita che lo richiede ed è la nostra umanità che lo pretende. Prendiamo appuntamenti per esserci alla manifestazione, che speriamo oceanica, a Genova il 23 luglio. Lì si rivivranno i ricordi dolorosi del 2001, tentando di dare un nuovo respiro ai movimenti e alle idee per un mondo migliore, anche contro di chi questo mondo lo vuole solo per sé. Il 23 luglio pure noi ci saremo a manifestare la nostra volontà di esserci e di esserci dentro. Grazie a Daniela e Loris per il loro aiuto e per essere le belle persone che sono, e naturalmente Marele e Vittorio per il fatto di esistere.
Naturalmente non è solo questo che tiene insieme così saldamente l’affetto fra me e il mio compagno: ci sono anche tante altre piccole o meno piccole cose come pure l’incontro brevissimo alla stazione di Firenze con quel fanciullone di mio figlio e della sua ragazza che si è venuto a prendere i baci che gli mancheranno fisicamente per il giorno del suo compleanno. Baci che ci prendiamo pure noi in attesa che ritorni a casa, per coccolarlo con amore materno e paterno, per me, da madre, e per il mio compagno, per la stima e l’affetto che può nascere tra uomini che si apprezzano l’un con l’altro a prescindere da questioni di progenie vera e propria.
Ecco cosa vuol dire per me esistere. Esserci, finalmente, ed esserci dentro, nel dolore e nella gioia, in ricchezza e povertà, in salute e malattia… vecchia formula, molto usata e usurata, ma per me sempre terribilmente valida, perché vera e anche perché è questo il solo modo che conosco per soddisfare la mia inesauribile necessità di impegno.
Ringrazio per questo il mio meraviglioso uomo, compagno di mille avventure e pure mio figlio, così straordinario agli occhi di mamma e gli amici tutti che fanno parte della nostra vita, anche a quelli lontani ed impegnati, che non sanno neppure di farne parte. Grazie a tutti e ricordatelo che noi siamo con voi…

Annunci
  1. E’ saggio evitare di commentare perché il solo leggere mi ha creato imbarazzo. PUNTO E ACCAPO.

  2. Come ci riesci bene a fare quella che non ha capito. Fallo perché sarebbe più difficile se ti guardo negli occhi. Quelli non sanno raccontare che la verità. Cavolo potevo aggiungere tranne… che è bello amare ed è magnifico amarti.

  3. wow, questo sembra un post scritto di getto… o sbaglio? 😉 sai che impressione mi ha dato? Quella della vita che scorre come la corrente di un fiume impetuoso, sai di uno di quelli di montagna, con le rapide? che poi poco c’azzecca perché in realtà è scaturito da un’immagine di mare, il vostro bellissimo mare, ma questa comunque è l’impressione che mi da. c’è molta vita, tantissima, anche se c’è una perdita dolorosa in mezzo, ma anche quella fa parte della vita. E poi tutto questo impegno, il rafforzarvi a vicenda… anche a me sarebbe piaciuta l’idea, ho due cari amici che sono uguali a voi, l’idea di condividere le mie battaglie con un compagno sia d’amore che di idee… evabbé, tra un po’ il peggio sarà passato e le mie campagne me le farò da sola, le condividerò con dei cari amici… e adesso infatti mi accorgo che il 23 è un Sabato… e che Genova è così vicina a Milano 😉
    Un abbraccio, miei cari, vivete sempre così, è splendido.

    P.S. ultimamente ho fortissimi sentimenti “antigreci”, ma mi fermo qui perché sarebbe un lungo rantolo di rabbia…

    • 😉 mi hai fatto sorridere quando ho letto il P.S…..
      Già Genova non è lontana e chissà mai che non sia la volta buona di fare qualcosa insieme.
      Il poste era di getto, un torrente tumultuoso certo hai capito bene. Tutti i punti toccati mi stanno a cuore e vorrei che molti nodi si fossero sciolti… ma verrà il momento. Sono felice che tu abbia un bikini nuovo! 😀

  4. Mi hai emozionato con questo bellissimo post che leggo in ritardo per mancanza di tempo…che dire, io mi sento “incastrata” in una vita che, per ora, sento non essere la mia, in un futuro precario e incerto che mi sto costruendo (andando avanti ormai per inerzia nella mia carriera universitaria che mi hanno reso vomitevole) e che mi toglie energia, entusiasmo, tempo e possibilità di mettermi a “combattere” per cause più stimolanti in tutti i sensi. Mi sarebbe piaciuto con tutto il cuore essere in Val di Susa, a Genova in questi giorni e soprattutto il 23, e a tutte le manifestazioni in cui credevo e credo, alle quali sono mancata e alle quali mancherò purtroppo per la mia “lotta” (ormai è questo il termine appropriato) nel portare a termine gli studi. Tralascio tutti i dettagli del mio rigetto verso l’università italiana. Credo però di essere cresciuta molto, soprattutto informandomi in rete e anche grazie a persone come voi che diffondono e condividono i loro pensieri anche con me, senza saperlo forse (io vi leggo spesso e volentieri sappiatelo). Continua a scrivere delle vostre esperienze, leggendole mi sembra quasi di viverle io stessa,in una sorta di empatia virtuale.
    Un abbraccio grande a te e Mario, e per quando sarà buone vacanze in quel di Ponza;)

    • Mi dispiace davvero, cara Francesca, che giovani come te e come pure mio figlio vengano quotidianamenti avvelenati dalle tossine di questa vita. Noi i sogni li abbiamo avuti e li conserviamo ancora, per voi purtroppo è tutto sconsolante e scoraggiante. Vorrei davvero portarti con noi nelle nostre pazze avventure, ma non è detta l’ultima parola, troverai anche tu forse un po’ di pace e un po’ di coraggio per buttarti nella mischia anche se davvero mi vedrei preoccupata anche per te. Ti ringrazio di seguirci sempre. E’ bello non essere considerati dei vecchi babbioni e anche di farci sentire ancora utili anche alle vostre vite giovani. Un caro saluto Ross

  5. Siete molto meno “babbioni” di molti miei coetanei, su questo non ho dubbi! E mi siete “utili” per farmi sentire un po’ più consapevole, meno inadeguata, e perchè siete la “prova” vivente che non importa l’età, quello che importa è rimanere VIVI!
    Bacibaci

  6. Cara Francesca, non mi piace parlare di me, dovresti averlo capito. Mi piace parlare di noi solo per dare un messaggio di fiducia e di serenità. Lei è molto per me, direi tutto. Con Lei la vita è questo meraviglioso viaggio. Eravamo così anche a quell’età. Mi, e ci, sembra di fare sempre troppo poco e i complimenti mi imbarazzano. Su questo non aggiungere altro. Per noi amare è anche amare gli altri, amare la gente, condividere. Credo che questo sia chiaro. Ed è anche un bisogno di sentirci vivi quello che ci anima. L’energia magari non è più la stessa, la voglia sì. E poi, come per te, è incontrare persone che ci gratifica, nel mondo virtuale ma meglio nel mondo reale. Ma alla fine debbo dire che non faccio, sono. E non so essere che così, nel bene e nel male. Un bacione, un abbraccio e a vederci.
    P.S. per bacione, abbraccio e augurio anche da parte di Ross.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: