rossaurashani

Roma e migliaia di bandiere, con Vittorio nel cuore.

In Amici, Gaza, Guerra, Informazione, Le Giornate della Memoria, Nuove e vecchie Resistenze, politica on 16 maggio 2011 at 10:30

con vik nel cuore

Sabato c’ero anch’io! Anzi per la verità c’eravamo anche noi ed eravamo in tanti, davvero tanti, gente varia, da molte parti d’Italia, gente diversa, ma con un’unica parola d’ordine: “Restiamo Umani”.
Vittorio ci ha accompagnato passo a passo lungo tutto il corteo che man mano procedeva, si ingrossava sempre di più fino a diventare un mare di bandiere con i colori della Pace, della Sofferenza, della Volontà e della Cooperazione.
C’è una nave che salperà anche dall’Italia e che condurrà verso Gaza gli sforzi di chi desidera portare aiuto ad un popolo prigioniero e diseredato della sua dignità prima ancora che della sua patria.
Noi c’eravamo. Io, Mario, Daniela, Iris, Stefano, Sonia e pure Paolo il piccolino con la Bandiera palestinese piccola per le sue ridotte dimensioni. Tutti amici che si sono dati appuntamento e che si sono rivisti con gioia. Con entusiasmo abbiamo percorso la lunga strada che da Piazza della Repubblica ci ha condotto a Piazza Navona. Un corteo festoso che non ha neppure degnato di uno sguardo lo schieramento dei poliziotti preoccupati di difendere l’indifendibile: un governo corrotto e senza dignità che ci chiama quotidianamente terroristi, sporchi e comunisti.
Che c’importa se ci dileggiano ciò che conta è che dimostrano quotidianamente anche la paura che non sarà sempre così. Un giorno anche noi rialzeremo la testa e ci libereremo anche di questo oltraggio. Ma sabato no, era altro che volevamo raccontare. Volevamo rendere evidente una verità che quotidianamente viene nascosta e manipolata. Chi ha il potere e il denaro viene sempre e comunque rispettato. Chi è umile e povero possiede una vita che non ha valore, dei diritti che non devono per forza essere rispettati, i suoi figli possono essere martoriati e uccisi. Vittorio questo lo sapeva e ha cercato di farcelo conoscere rischiando ogni giorno la vita, per quegli umili e anche per noi stessi e per la nostra dignità.
Vauro Senesi ha ragione: Noi siamo responsabili perché Vittorio è morto, noi più degli altri perchè sapevamo, perchè, pur consci del pericolo, lo abbiamo lasciato solo nella lotta. Questo è quello che molti di noi non si perdonano. Io prima degli altri. Vittorio era un amico e non ho mai fatto abbastanza per difendere le sue e nostre idee. Non ho saputo fare da scudo umano di idee contro le menzogne ad uno scudo umano che rischiava ogni giorno la sua vita per quei derelitti vivi, future vittime di un nuovo genocidio e per quelli morti che non si possono dimenticare.
Mi sono fatta una promessa: difenderò con le unghie e coi denti e con le poche armi dell’informazione che sono in mio possesso il nuovo viaggio di pace della “FREEDOM FLOTILLA 2” che cercherà di forzare ancora una volta l’assedio israeliano di Gaza. Voglio con tutte le mie forze che certi scempi non siano più commessi in nome di un falso diritto alla sicurezza che viene sancito dalla prepotenza di un governo senza scrupoli nel favorire i propri diritti calpestando quelli di un altro popolo. Voglio che la pace sia fatta senza avanzare scuse alcune e senza vessare una parte a favore del più potente.
Ma adesso basta, non volevo fare un comizio, volevo solo raccontare di una giornata di sole dove i colori prendevano risalto e i sorrisi erano più luminosi che mai. Ho vissuto una giornata stupenda assieme ad amici stupendi che mi hanno fatto sentire veramente umana, umano è, in questo caso, un termine che non ha avuto quel valore di limite che in genere gli si dà. Essere umani è restare deboli ed indifesi nei confronti delle offese della vita. Restare umani e esserlo invece è, per me, quel valore aggiunto che sabato mi ha fatto stare bene con gli altri e con me stessa. Ringrazio i miei amici e tutti i partecipanti della manifestazione di appoggio alla FREEDOM FLOTILLA 2 e Marele e il grande Vauro per l’emozione che mi è stata data e concludo con le parole del nostro Vik: malgrado le brutture e le ingiustizie del mondo, amici “Restiamo Umani”.

Annunci
  1. Che dire: Grazie a te, cara e grande compagna. E che… battendomi nel tempo ora non potrò fare meglio, ma questo lo sapevo già, ma temo che mi sarà difficile dire anche solo qualcosa su quella splendida ed entusiasmante giornata.

  2. Che belle parole, come avrei voluto esserci. Vi ho pensato però, eh, nonostante fossi scombussolata dal viaggio. Un abbraccio a tutti voi, quelli che c’eravate 😉

    • Non mancheranno le occasioni.
      Nota di servizio: stiamo cercando di dare un piccolo contributo. Si sta organizzando a Genova in memoria per il decennale dei fatti del G8 e della morte di Carlo Giuliani.

    • Eh si Martina, ma visto tutto stavolta dovevi proprio pensare per te 🙂
      Ora che sei tornata sarà tutta un’altra musica.
      Hai visto? Porti fortuna a Milano!!!!!!! 😉

  3. Martina, vuoi vedere che bastava che tornassi…

  4. Ma io di questo non avevo dubbi, però una cara amica mi ha appena scritto su facebook che sono troppo autoreferenziale e che loro hanno fatto tutto da soli… ci hanno messo 15 anni però… qua si va a ere geologiche 😀

  5. C’eravamo ed è stato bellissimo. Umano.
    Un abbraccio amici miei!

    • Sì Audrey come ai vecchi tempi 🙂 noi con i nostri piccoli blog e Vittorio con il suo grande cuore. Fosse bastato… ma bando alle tristezze… c’eravamo e ci saremo ancora, dovesse servire.
      Un abbraccio

  6. Quanto avrei voluto esserci, cari Amici miei, con voi e con Vittorio nel cuore, se solo gli impegni ( la mia consueta partenza per andare nel paese di un Amico ‘invalido’ di cui un giorno vi parlerò ) non mi avessero tenuto lontano da Roma !
    Ma l’ ho sentito, sapete, quell’ entusiasmo, e l’ ho sentito soprattutto grazie a voi, ed al vostro straordinario tener vivo nella memoria, almeno ‘finchè il sole risplenderà sulle sventure umane’, i veri Eroi della nostra stenta esistenza !!!

    • Caro Bruno le occasioni non mancheranno. Il nostro impegno è proteggere la Stefano Chiarini quando sarà in mare per raggiungere Gaza. La missione di pace Stay Human dovrà essere davanti agli occhi di tutti, nessuno potrà far finta di non vedere che se gli attivisti saranno aggrediti è solo un arbitrio e un’ingiustizia dell’esercito israeliano.
      Questo è il nostro impegno e di quelli che come noi voglio un mondo diverso.
      Spero che ci sarà un’altra occasione per ritrovarci…
      Ciao

  7. Sì Vauro ha ragione ma comunque complimenti a voi che eravate là, per lottare, per non dimenticare.

    • Non vorrei essere retorica, ma questo non è che l’inizio di un risveglio che sarà epocale. Nei prossimi giorni pubblicherò il manifesto GYBO dei giovani di Gaza. Mi fa riflettere molto sul valore dei loro Vaffanculo… se è reale quello che preannunciano, i tempi stannpo cambiando…

  8. Noi non possiamo che riaffermare il nostro impegno. Noi ci saremo a testimonianza. E ci saremo per noi e per quelli che con noi ci sono col cuore. Molti ci hanno lassciati andare con l’amerezza e un po’ di invidia per non poter esserci. Ci siamo anche per loro. E continuaremo a testimoniare.
    Stay Human

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: