rossaurashani

La favola di Biancosconi e dello specchio magico

In politica on 20 gennaio 2011 at 12:36

Chi l’avrebbe mai detto che un piccolo parrocco di campagna Don Scarmoncin di Mandriola – Albignasego riuscisse a scrivere una favola di oggi. Non c’è lieto fine o forse sì. Basta crederci fermamente.
C’era una volta… una regina cattiva e gelosa e ogni mattina appena sveglia si metteva davanti al suo grande specchio e chiedeva:
– “Specchio, specchio delle mie brame chi è la più bella del reame”?
Lo specchio rispondeva sempre:
– “Sei tu, mia regina. Non c’è al mondo alcuna più bella di te”.
La regina si tranquillizzava contenta e tutto continuava senza troppe scosse in un silenzio irreale e mortifero.
La regina non aveva a cuore il suo Regno e ancor meno i sudditi… l’unico suo interesse era lei stessa.

Poniamo il caso che un uomo possieda tutto, o quasi: salute, denaro, successo, una bella famiglia invidiata, amicizie con “gente che conta”,
– controlla l’informazione,
– controlla la pubblicità, e la fa per le sue industrie e attività,
– favorisce la carriera di personaggi che possono favorirlo,
– elargisce regali da capogiro a giornalisti, imprenditori, personaggi dubbi ma potenti, banchieri, giudici,
– possiede case editrici, Banche e Società di Assicurazione,
– sono sue ville e palazzi in tutte le città e zone più belle del mondo,
– controlla direttamente, o tramite interposta persona, una molteplicità di Società finanziarie,
– fa schioccare le dita, e qualcuno gli porta, oltre la colazione o l’aperitivo, anche uno stuolo di donne e ragazzette, pronte e prone a compiacerlo; ecc…
Quest’uomo per tenere il ritmo degli impegni e del lavoro avrebbe poco tempo per riposare, ma il poco che riesce a dormire tra una fatica e l’altra, ogni mattino guardandosi allo specchio (i sondaggi) chiede:
– “Chi è il personaggio più importante, bello, forte, bravo, buono, simpatico, amato, sexy… del mondo”?
E il sondaggio (lo specchio magico) ogni giorno gli risponde:
Sei tu: l’unico, l’assoluto, l’infallibile, l’immortale…
Sei tu che crei la morale, la giustizia, la verità…
– Sei tu che decidi ciò che è giusto e sbagliato, ciò che è bene e male… sei tu la misura delle cose e delle persone.
– Sei tu che puoi costruirti case, ville, mausolei, parchi, piscine… mentre tutti gli altri “incapaci” trovano solo vincoli paesaggistici, storici e urbanistici;
– Sei tu che puoi spostare fondi o crearli dal nulla…
Sei tu che puoi regalare lo Stelvio e un Parco nazionale per avere il voto di un voltagabbana
– Sei tu che puoi avere mogli, amanti, prostitute e ragazzine... e anche l’approvazione del confessore e del Papa…

Lo specchio continua ogni giorno, ogni mattina a rassicurarlo:
– Il più bravo sei tu.
– Tu sei l’unico.
– Tu sei il necessario.
– Tu sei l’assoluto.
– Tu sei l’Unto di Dio.
A nessuno è venuto in mente che lo specchio potesse essere truccato o falso?
Anche alla regina, che non è sciocca, viene questo dubbio:
– Lo specchio è un “vero specchio” o è uno specchio che riflette l’immagine che si vuole vedere?
Potrebbe essere che lo specchio (il sondaggio obbediente e pagato dall’interessato) rifletta non l’immagine vera, ma quella che si desidera.
E’ uno specchio intelligente, furbo e obbediente come tutti a corte… o quasi tutti…
A chi conviene vedere la verità?
Tutti ci guadagnano continuando a vedere ciò che “conviene vedere”.
E la regina, pur intelligente e capace, è troppo piena di sé e della sua bellezza, nessuno osa contrariarla; lei vive nel suo mondo dorato.

Un mattino però, la regina davanti allo specchio, rivolge la solita domanda:
– Specchio, specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?
Lo specchio, che si è sempre adattato ai desideri della sua padrona, e che aveva sempre preferito riflettere l’immagine desiderata piuttosto che quella reale, ha un sussulto di dignità e di orgoglio; potrebbe venire buttato via… ma non può continuare a mentire tutta una vita:
– Da qualche parte è nata una bella e fresca ragazzina, Biancaneve, che potrebbe insidiare la tua bellezza.
Ma lo specchio, quella mattina, non si ferma qui, e continua:
– tu fingi di essere più alto di quello che sei realmente, perchè tutti davanti a te chinano la testa e incurvano la schiena,
– tu fingi di muoverti e camminare come fossi un atleta, ma non sapresti fare una corsa e nemmeno arrampicarti su una pertica,
– tu fingi di sorridere, ma i tuoi denti sono tutti impostati su una dentiera,
– tu fingi che tutto vada bene, ma non hai la percezione della realtà che stanno vivendo milioni di famiglie del tuo regno,
– tu fingi di rispettare i valori della famiglia, ma tu ne hai distrutto almeno due o tre,
– tu fingi sicurezza, ma tutto si regge come un castello di carte,
– tu fingi di essere democratico, in realtà sei una piccolo despota,
– tu fingi di fare il bene di quanti hanno fiducia in te, in realtà tu fai solo i tuoi interessi,
– tu fingi di essere un uomo attivo e pratico, mentre sei solamente un imbonitore, malato di onnipotenza, con il culto della personalità, venditore di fumo;
– tu fingi di aiutare i lavoratori, mentre favorisci solo i ricchi;
tu fingi alleanze e amicizie con i grandi della terra, in realtà ti guardano come un mentecatto presuntuoso,
tu fingi le tue doti di grande amatore: novello Rodolfo Valentino latin-lover, made in Italy, in realtà ti ingozzi di viagra,
tu fingi di amare le donne, in realtà le paghi, le usi e le getti…
– tu ti illudi che le folle ti amino perchè ti acclamano… lo hanno sempre fatto con tutti i dittatori.

Quel mattino la regina ha un capogiro… quasi sviene…. poi lentamente si riprende e allora succede il finimondo:
Spacca lo specchio in mille pezzi.
Biancaneve viene immediatamente allontanata.
Il castello alza le sue mura, le torri e i ponti… diventa imprendibile.
La regina terrorizzata si aggrappa al potere, al suo denaro, ai suoi cortigiani, ai suoi amanti, alle istituzioni, a quanti ha beneficato, a quanti ha corrotto… non vuole cedere…
La morte piuttosto che cedere il potere.
“Se deve morire Sansone, devono morire anche tutti i Filistei”.
Ciò che servirebbe ora è:
– una nuova Biancaneve o un Principe azzurro… ma non se ne vedono in giro…
– uno specchio che dica la verità
– sette nani che si diano da fare, nani se ne vedono un’infinità, ma sono degli incapaci…
– un principe che scopra Biancaneve e la riporti a corte…
che i sudditi comincino a sentirsi cittadini…
E’ un sogno?
Ma perchè non provare almeno a sognare, in questi tempi bui?

Annunci
  1. Ma… io avevo lasciato un commento, che fine ha fatto???

    Forse Mr WordPress l’ha spedito in spam? 😯

    • Controllo, ma questo post mi ha fatto dannare, appare e scompare a piacimento suo… mi sa che il signor Biancosconi ha messo un sistema di censura.

  2. Macchè non è finito in spam. Mi sa che WP sta dando i numeri oggi… abbi pazienza non tutte le piattaforme riescono col buco 😉

  3. Dovrei esserne geloso? non lo sono. La tua vita è piena di lui, non fai che parlarne, ma la riempirò di me. 😉
    Sono qui solo per dire che non ho nessun merito. Non c’è una parola una detta o suggerita da me. E questo lo dico non per prendere le distanze, ma solo per ricordarti che mi piaci anche così: “caciarosa”.

    • Hai ragione me ne sono accorta dopo che è uscita con il nostro nick. Chiedo venia anche perchè so bene che l’argomento non ti interessa più di tanto. Anzi diciamo che preferisci parlare di donne. 🙂
      Grazie per averla chiamata caciarosità
      Ross

  4. Per me le piattaforme blog sono un po’ come lo specchio della favola, si sono rotte (letteralmente) di sentir nominare questa sorta di satiro viagratizzato…. che purtroppo è ancora lì e nessuno lo smuove!

  5. Comunque, nel commento perduto concordavo con l’analisi fatta, compreso il fatto che non si vedono all’orizzonte né Biancaneve né il principe azzurro, e addirittura si vedono sempre di meno cittadini che non vogliano né essere né sentirsi sudditi.

    • Non ci resta che fare le formichine e creare le nostre gallerie fino a costruire un nuovo mondo che non sarà di solitudine e di indifferenza. IO sono un animale sociale e politico e non posso fare a meno di resistere.
      Un caro saluto
      ross

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: