Mario

116) Margherita Dolcevita

In Un libro al giorno on 30 settembre 2010 at 8:00

Sono andata a letto e le stelle non c’erano più. Ho pulito per bene il vetro della finestra, ma niente da fare. Erano sparite. Era sparita Sirio e Venere e Carmilla e Altazor. E anche Mab e Zelda e Bacbuc e Dandelion e la costellazione del Tacchino e la Croce di Lennon.
Non ditemi che alcune di queste stelle non esistono. Sono i nomi che gli ho dato io. Infatti rivendico il diritto di ognuno, specialmente delle fanciulle fantasiose come me, a chiamare le cose non soltanto con il nome del vocabolario, ma anche quello del vocabolario, cioè con un nome inventato e scelto. In fondo tutti lo fanno. I miei genitori mi hanno chiamato Margherita, ma io amo essere chiamata Maga o Maghetta. I miei compagni di scuola, ironizzando sul fatto che non sono proprio snella, a volte mi chiamano Megarita; mio nonno, che è un po’ arteriosclerotico, mi chiama Margheritina, ma a volte anche Mariella, Marisella oppure Venusta, che era sua sorella. Ma soprattutto, quando sono allegra mi chiama Margherita …

Soluzione
Titolo: MARGHERITA DOLCEVITA
Autore: STEFANO BENNI

Trama: La protagonista è Margherita, una ragazzina di 14 anni e sei mesi (o, come si definisce lei stessa, “una bambina in scadenza”) che pensa in modo leggermente diverso rispetto ai coetanei, è una ragazzina con qualche chiletto in più e i capelli ribelli che si piace così com’è. Vive con la madre Emma, ossessionata dalla serie televisiva “ETERNAL LOVE”, il padre Fausto, che ripara qualsiasi oggetto, il fratello minore Eraclito, ossessionato dai videogiochi, il maggiore Giacinto, il nonno, che ha paura di morire avvelenato ed infine il cane Pisolo un cosiddetto “bastardino”. La sua è una casa al confine tra la periferia cittadina e la campagna. La vita scorre tranquilla finché non arrivano i nuovi vicini, la famiglia Del Bene. Ricchi, influenti ed eleganti, a poco a poco affascinano i genitori e il fratello maggiore di Margherita, rendendoli sempre più simili a loro. Margherita, suo nonno e suo fratello minore Eraclito però non sono convinti da quella famiglia “perfetta” ed indagano sui segreti che sembrano circondare i DelBene. Scoprono molte cose sconcertanti sul loro conto che pare il loro papà condivida da quando li ha conosciuti. Scoperti quasi tutti i segreti dei nuovi vicini, non ne conoscono solo uno utile per sapere tutto su di loro, ma incontreranno i padri delle due famiglie sulla loro strada. Gli faranno dire cosa stanno facendo realmente ma una bomba esploderà nel capannone che si trova vicino alla casa di Margherita e i suoi due fratelli, il padre e il loro vicino muoiono. Ambigua è l’interpretizione del finale: sembra che il fantasma di Margherita veda i corpi dei morti, la polizia, sua madre che piange e vorrebbe poterla consolare ma non può fare altro che condividere con lei un immenso dolore; puo’ essere anche interpretata in altri modi, ma questo dipende dal lettore e dalla sua FANTASIA… (da wikipedia)

Annunci
  1. Bel blog!

    E anche un bel post! I miei complimenti!

    Spero avrai tempo di ricambiare la visita…tra vicini di blog, s’intende 😉

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/01/24/odioimieivicini/

  2. Ti consiglio almeno di cercare di ricordare i blog, se non i post, che hai già visitato e dove hai lasciato lo stesso identico messaggio.
    Sei già nel blogroll 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: