rossaurashani

Archive for 20 luglio 2010|Daily archive page

42) Un ragazzo di strada

In Una canzone al giorno on 20 luglio 2010 at 12:00

Io sono quel che sono
Non faccio la vita che fai
Io vivo ai immagini della città
Non vivo come te

Io sono un poco di buono
Lasciami in pace perché
Sono un ragazzo di strada
E tu ti prendi gioco di me

Tu sei di un altro mondo
Hai tutto quello che vuoi
Conosco quel che vale
Una ragazza come te

Io sono un poco di buono
Lasciami in pace perché
Sono un ragazzo di strada
E tu ti prendi gioco di me

soluzione
Titolo : UN RAGAZZO DI STRADA
Gruppo: I CORVI

Un ragazzo di strada è la canzone più nota del gruppo beat I Corvi. È una versione italiana di I ain’t no miracle worker, di Nancie Mantz e Annette Tucker, interpretata dai Brogues, un complesso i cui membri poi confluiranno nei Quicksilver Messenger Service. Il testo in italiano è scritto da Nisa, storico collaboratore di Renato Carosone. La canzone partecipa al Cantagiro nel 1966 riscuotendo un grande successo. (da wikipedia)

42) La metamorfosi

In Un libro al giorno on 20 luglio 2010 at 8:00

Una mattina, svegliandosi da sogni inquieti, Gregor Samsa si trovò nel suo letto trasformato in un insetto mostruoso.
Era disteso sul dorso, duro come una corazza, e se alzava un poco il capo poteva vedere il suo ventre bruno convesso, solcato da nervature arcuate, sul quale si manteneva a stento la coperta, prossima a cadere per terra. Le sue numerose gambe, pietosamente sottili in confronto alla sua mole, gli si agitavano davanti agli occhi.

Soluzione
Titolo: LA METAMORFOSI
Autore : FRANZ KAFKA

trama: È la storia di un uomo comune, Gregor Samsa, un modesto impiegato che un mattino si sveglia e si accorge di essersi trasformato in un insetto mostruoso (uno scarafaggio). La prima reazione dell’uomo non è di sgomento, né di meraviglia per il suo nuovo stato, ed anzi si preoccupa più del modo in cui andare al lavoro (è commesso viaggiatore) in quelle condizioni, tenendo conto anche del fatto che è in ritardo. Nonostante i suoi tentativi di tenere nascosta la sua situazione al resto della famiglia, al procuratore, ed al suo datore di lavoro, questi ultimi riescono ad entrare nella stanza. Il terrore che colpisce i suoi familiari ed il procuratore, tuttavia, li obbliga a richiudere immediatamente la porta, spingendo il povero Gregor dentro con un bastone. La vista di Gregor in quelle condizioni porta a reazioni di orrore in tutti loro (la madre sviene, il padre piange ed il procuratore ha un gesto d’orrore).
Il resto del racconto narra della nuova vita di Gregor Samsa, abbandonato da tutti tranne che dalla sorella Grete che si preoccupa di lui e gli procura il cibo. Le reazioni del padre e della madre sono tuttavia ancora ostili: una volta Gregor prova ad uscire dalla sua stanza, provocando lo svenimento della madre e l’attacco del padre con il lancio di alcune mele: una di queste lo colpisce e lo ferisce. Gregor inizia, pur mantenendo le sue facoltà intellettuali, a comportarsi come un vero scarafaggio, seguendo i suoi istinti di insetto, provando perfino soddisfazione nel camminare sui muri o nel mangiare cibo stantìo e andato a male.
Dopo poco tempo, tuttavia, Gregor viene completamente abbandonato a sé stesso, anche dalla sorella che nel frattempo ha trovato un lavoro. Agli occhi della famiglia, egli è divenuto un peso, visti anche i problemi economici che i familiari devono affrontare a causa della perdita del lavoro di Gregor, unico componente della famiglia che lavorava. Il padre, con cui aveva avuto dei contrasti, arriva persino a pensare a come liberarsi del figlio, visto ormai solo come un mostro. Gregor comincia a star male, a rifiutare il cibo che gli viene offerto fino a giungere ad una morte lenta, causata dalla ferita provocatogli dalla mela che il padre gli lanciò, rimasta conficcata nella sua schiena.
Si sbarazza infine del cadavere di Gregor la governante ad ore della casa, mentre la famiglia spera in una ripresa dalla crisi finanziaria con un matrimonio conveniente della figlia, che, divenuta una bella ragazza, si avvicina all’età del matrimonio. Il racconto infine si conclude con il trasloco dell’intera famiglia in una dimora più piccola, iniziando così una nuova vita, dimenticando per sempre Gregor. (da wikipedia)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: