Mario

Quanta passione la vita, quanta passion….

In Amici, amore, Anomalie, uomini on 28 aprile 2010 at 21:48

Avevo sempre pensato che fosse il fatto di essere il fratello piccolo, non di statura ovviamente, ma il fratello minore. La differenza non era poi molta, ma era di qualità. La mia nascita, per la famiglia, era stata una benedizione di dio. Le cose erano finalmente cambiate e mio padre aveva trovato un lavoro che consentiva di vivere decentemente. Quando Marco è arrivato inatteso  tutto andava storto e mamma avrebbe preferito abortire, ma per fortuna dopo qualche anno è arrivato il suo figliolino bello, io, Matteo, e le cose sono andate a posto. Marco non è mai stato bello, a differenza di me, che ho sempre avuto un’aria scanzonata che conquista le donne. No! Non si poteva dire bello, per quanto non fosse il tipo da passare inosservato. Aveva davvero un sacco di amici che lo incensavano: Marco qui, Marco lì, com’è bravo, com’è intelligente… avessero immaginato come andava a finire! Aveva delle doti, o meglio dei gusti, di cui non ho mai capito l’utilità, sarà perché siamo sempre stati così diversi. Dipingeva e scriveva poesie, proprio da artista squattrinato! Comunque, alla fine, era inadatto ad affrontare la vita. Niente di catastrofico, ma certo che non ha mai dato la loro importanza ai soldi, alla qualità della vita, alle cose che contano, insomma non era fatto come me. Io ho sempre chiesto il massimo e l’ho sempre ottenuto. Facciamo un esempio: il lavoro. Marco era finito a fare il dipendente con uno stipendio da fame, stava lì nel suo ufficio a tener di conto delle forniture di economato. Io invece, mi sono preso i miei bei rischi e ho allargato la mia attività, girando di città in città a fornire certi negozi di articoli sanitari, quelli più difficili da trovare. Veramente questo è stato un ripiego. Precedentemente avevo a che fare con un altro lavoro, ma stavo sempre gomito a gomito con modelle mozzafiato. La cosa era di mio gradimento perché, confesso, sono un tipo passionale e le donne mi piacciono belle e se possibile in gran numero. Così Sabrina, la mia nuova moglie, si è incazzata e mi ha costretto ad un lavoro meno a contatto col “pubblico”. Vai a capire le donne! Pensano di smorzarti l’appetito se ti tengono lontano dalle tentazioni. Io delle tentazioni ho sempre con me il numero di telefono e tanto basta. Certo Sabrina è bella e giovane, non ha neanche l’età di mia figlia maggiore, forse per questo ho dovuto adeguarmi, non mi pareva il caso di far finire il matrimonio come con Paola. Sabrina, comunque è meno gelosa di quanto lo fosse la mia prima moglie, lei sì che dava di matto quando tornavo tardi e magari un po’ bevuto. Per quanto io con le donne sono fortunato, gelose sì, ma davvero belle gnocche. E’ inutile nasconderlo, io per le donne ho una grande passione… tanta passione e non riesco a nasconderlo troppo. Anche su questo, Marco, ha una marcia diversa, ha avuto sempre una donna per volta, sembrava destinato fin da allora, ad essere preso sottogamba e ad essere trattato come un nessuno. Perfino Monica che una bellezza non è, si era stancata e l’ha lasciato alla sua vita di piccolo cabotaggio. Non so neanche perché mi intestardisco a parlare di lui. Noi siamo troppo diversi per essere fratelli. Rocco, che era un nostro vecchio amico, dice spesso: “Matteo, io penso che sia un peccato per il carattere di Marco, some sai io lo inviterei, con noi, nella mia casa in montagna, ma si sa che lo metterei in imbarazzo, ho come paura di farlo sentire a disagio.” Perché l’aria dello sfigato lui ce l’ha sempre, senza dubbio. Non possiede un’auto; da quando si è separato vive in un mini, facendo vita monastica; mangia come un uccellino e come unico divertimento ascolta i suoi dischi e legge i suoi libri. E’ una pena vedersi a Natale, mai nulla da dire, Sabrina stessa mi chiede che cos’ha per la testa, perché sembra sempre soprappensiero. Non capisco cosa mi fa pensare a lui, forse perché qualche giorno fa Monica, la sua ex, dopo averlo buttato fuori dalla sua vita, mi è venuta a dire, con una certa rabbia mal repressa, che l’hanno visto in giro con una che sembra una gran signora. Dice che nessuno le ha saputo dire con precisione chi sia, ma pare si tratti di una sua ex. Le donne non sopportano mai di essere ex soppiantate da altre ex. Dice che è cambiato tantissimo, sembra un’altra persona. Non mette più i suoi vecchi abiti e sembra ringiovanito di vent’anni. Ha lasciato il suo antro buio e ha cambiato città, ora vive in un appartamento in pieno centro. Sembra che abbia ripreso le sue vecchie frequentazioni, quei quattro intellettuali morti di fame, che non hanno mai fatto i soldi perché si credono pieni di grandi principi. Sti furbi! Sempre con la puzza sotto il naso a guardare il pelo sull’uovo. Poi con i tempi che corrono… se non hai il Rolex, non mandi tua figlia alla scuola privata e non giri in SUV, non sei mica nessuno. Io queste cose le so, me le sono concesse perché sono i simboli che fanno la differenza anche nel lavoro. Io nel mondo ci so stare. Io amo la vita comoda. Nel mio ambiente sono qualcuno, io so come muovermi e come contare. Marco mi ha sempre fatto rabbia quando lo vedevo disegnare sui muri della nostra cameretta, credeva di essere Michelangelo, il tapino. Ci avrà anche saputo fare, ma alla fine sono stato io che ho deciso quando fosse l’ora di ridipingere il muro di quel bel color viola. A volte ci vuole un colpo di spugna per cancellare il passato. Io queste cose le so. Monica mi ha anche detto che la sua nuova donna si chiama Giovanna. “Giovanna chi?” ho detto e intanto mi ha preso un coccolone. Giovanna? La sua ex? Azzo… e chi glielo dice a Rocco? Eh sì! perché Rocco era da sempre che se la filava, anche se mi diceva che non gliene fregava niente. Per quanto pure io a quel tempo ci avevo fatto un pensierino, allora era proprio una gran gnocca. Ci sarei anche riuscito se non fosse stata la ragazza di mio fratello e alla fine, quando si sono lasciati, ho tirato un sospiro di sollievo. Per fortuna si erano persi di vista e questo aveva risolto molte altre cose. Ma adesso che sembra si siano rimessi insieme come faccio a rivedermeli davanti? Mi è stato detto che lei ha due Gallerie d’arte molto importanti e che ha fatto fortuna lanciando dei giovani artisti capaci e talentuosi, ma mio fratello è sfigato, non è certo più giovane e poi per il suo talento, se mai c’è stato, l’ha sicuramente scordato nella sua vita passata… Monica lo accusava sempre di non avere nessuna ambizione. Eppure Giovanna… azz… proprio lei, se è davvero Giovanna… quella Giovanna di quando eravamo giovani… proprio lei in carne ed ossa, con tutti i suoi soldi e il suo coraggio, se la conosco bene, e se ha conservato una piccola parte del carattere che aveva, può fare un miracolo e nessuno, questa volta, la potrà fermare.

Annunci
  1. Non so. Sai… io non sono mai stato il fratello minore. Ho conosciuto solo l’esperienza di essere quello maggiore e il figlio più vecchio. Nella competizione non mi riconosco. 🙂

    • Vabbeh non vale mica per tutti i fratelli 😉
      Io per esempio ho fratelli di altro tipo e anche sorelle se per questo.
      Anzi voglio scrivere un post su un ottimo rapporto tra due sorelle, visto che ne ho scritto uno su un brutto rapporto tra due fratelli.
      Sai che ti dico se io avessi un fratello come quel Matteo (e sinceramente credimi non penso ce ne siano molti) credo che gli sputerei in un occhio, però bisognerebbe anche capire quali sono i motivi di tanto livore, quasi impossibile giustificarlo solo con invidia e presunzione.
      Ma per fortuna queste cose succedono solo nei post miei e non nella realtà 😀

      • Non lo sputo (nemmeno per post) per non profumarlo. Come sai la battuta non è mia.
        A cercare motivi ne puoi trovare quanti vuoi. Il problema è tuo anche perché temo ce ne siano a bizzeffe soprattutto fuori la rete.

  2. Ho appena scritto un post sulle passioni che penso scatenerà un vespaio. Siete invitati al lancio di piatti virtuale,se volete 😉
    (ridacchio perché il Marco del post mi piace, mi piace davvero :))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: