rossaurashani

Ma che lavoro fai? Il capro espiatorio senza paga! Caro Malaussène adesso sei fregato anche tu.

In Senza Categoria on 7 giugno 2008 at 14:25

LA SINISTRA FRANCESE SI MOBILITA CONTRO LA NUOVA DIRETTIVA UE SUI CLANDESTINI….

(http://www.logicokaos.blogspot.com/2008/06/la-sinistra-francese-si-mobilita-contro.html)

Franco interloquisce con un lungo commento che ho trasformato in un post. Ritengo straordinari gli spunti che ci propone, sopratutto il discorso che ci permette di sublimare le nostre paure in lotta all’immigrato, vero “capro espiatorio” della nostra crisi economica e di valori.

“Direi solo che è in atto un’escalation della destra. Dei valori della destra (ma non esclusivi della destra). La xenofobia è solo uno di questi. Forse il più appariscente, quello che ha maggiore visibilità e che dà anche il maggior disgusto. Ma non è il solo. Direi che il tutto si inquadra in un sistema di sofferenza che sta attraversando l’Europa intera, anche là dove ha vinto la sinistra come in Spagna. A mio modesto parere il problema è quello della crisi che sta attraversando l’Europa. Crisi economica, crisi di valori. Più si aggrava la crisi economica maggiori sono i sintomi anche della crisi di valori. Una crisi dei valori che ha molti padri e molte madri. Una crisi che nasce non in questi ultimi anni ma che secondo me trova le sue origini negli anni ’80. La generazione successiva a quella del ’68. Quella generazione che è stata privata di uno spirito critico, privata di una socializzazione che invece appartenne alla precedente, privata di sentimenti libertari. Fu invece oggetto di sentimenti libertini, oggetto di attenzioni morbose, oggetto di centrifugazioni del cervello, ghettizzata. Una generazione senza storia. Una generazione alla quale si sono inculcate idee congeniali al sistema. Potere, denaro, carriera, società dei consumi, speculazione, ricchezza, esibizione, bellezza, giovinezza.
Sono i trentenni di oggi e mi scuso con loro, non ne hanno colpa alcuna ed ovviamente non gliene faccio colpa alcuna.
Ma quel sistema che ha indottrinato quella generazione adesso sta mostrando la corda. C’è crisi, crisi economica e quindi stanno venendo meno certezze o speranze di raggiungere quelle mete fatte sognare. Ecco allora che difronte a queste difficoltà, percezioni di pericolo, delusioni, attese vane , un continuo, estenuante “Aspettando Godot” si ha bisogno di cercare chi ne ha la colpa. Perchè purtroppo siamo un continente profondamente cristiano ed abbiamo bisogno di trovare chi è il colpevole delle nostre disgrazie, chi è il portatore della colpa del nostro fallimento, chi si è macchiato del reato di averci impedito di raggiungere la mèta tanto agognata. E’ ovvio che non siamo noi stessi, qualcun altro ce l’ha impedito, si è messo di mezzo tra noi e la gloria. Chi miglior attore in questa parte dell’immigrato clandestino? Direi che è perfetto nel ruolo. Povero, derelitto, incapace di interloquire, affamato, disposto a tutto per vivere. Disposto a qualsiasi lavoro, che magari un italiano non farebbe, ma che comunque egli occupa, disposto a lavorare per pochi euro come non un italiano farebbe, ma che comunque drena ricchezza che altrimenti avrebbe potuto anche arricchire qualche italiano (altri si arricchiscono, ma questo non viene registrato), ragazze che fanno le prostitute nelle strade e che fanno scendere il prezzo delle case in certi quartieri (ma chi ci va con loro? extracomunitari o italiani?). Ecco, finalmente abbiamo trovato il nostro protagonista negativo. Il clandestino. Sappiamo con chi prendercela. E’ lui il colpevole delle nostre disgrazie. Possiamo incarcerarlo, ributtarlo a mare, sparargli contro. Tanto poi da bravi cattolici ci confessiamo e tutto torna a posto…. siamo immacolati.”

Annunci
  1. La mancanza di etica della responsabilità è uno dei drammi delle società “cattoliche”. Che, come dici giustamente, sta mostrando la corda, e non solo nella summa teologica del paese “cattolico”, cioè in Italia.

    Forse è anche colpa nostra, di noi meno giovani, che non abbiamo saputo fare argine a questa marea.

    Certo, che se queste giovani generazioni (che hanno anche tante cose positive) non si danno una smossa, il futuro potrebbe non essere un granchè.

    Un sorriso dall’Umbria
    Mister X di Comicomix

  2. mi sa tanto che finito con i nomadi, con gli extracomunitari, tocca a noi donne, in fin dei conti occupiamo dei posti di lavori che potrebbero essere degli uomini.Ma come ci permettiamo di essere di ostacolo all’uomo e essere causa di questo mondo in sfacelo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: